scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
10/11/2020

Asilo da 1,3 milioni a Tavagnacco grazie all’accordo Comune-Hera

Messaggero Veneto - Alessandro Cesare

Il Consiglio dà il via libera all'operazione, appoggiata anche dalla minoranza. Duriavig si è astenuto
Alessandro Cesare / TAVAGNACCOSarà un gruppo privato a occuparsi della costruzione della nuova scuola dell'infanzia di Tavagnacco. Lo ha deciso il Consiglio comunale nel corso dell'ultima seduta, dando il via all'iter per un projec financing che si concretizzerà attraverso una proceduta pubblico-privata.Esiste già una realtà che si è detta interessata a concretizzare il progetto (che dovrà comunque essere messo a bando), e cioè la AcegasApsAmga Servizi Energetici Spa del Gruppo Hera. In pratica la società si occuperà della demolizione del vecchio edificio scolastico, ormai non più a norma e quindi non utilizzabile, della realizzazione ex novo della nuova scuola, dell'acquisto degli arredi e della sua manutenzione investendo 1, 3 milioni di euro. In cambio riceverà in gestione gli impianti di riscaldamento e raffrescamento del Comune (municipio, palestre, mense, edifici scolastici) per un periodo di 15 anni (il valore dell'appalto supera di poco i 3, 5 milioni di euro). «La nuova scuola sarà realizzata in classe energetica Nzeb, quella praticamente a impatto zero - informa l'assessore ai Lavori pubblici, Paolo Morandini - e oltre a questo chi vincerà il bando avrà tempo un anno per consegnarci l'edificio chiavi in mano, occupandosi della sua manutenzione ordinaria e straordinaria. Un'opportunità che non abbiamo voluto farci scappare, merito di un'intuizione del mio predecessore, l'ex assessore Paolo Abramo, il quale ha pensato di coinvolgere un partner privato nell'operazione».Non è la prima volta che il Comune di Tavagnacco sfrutta una collaborazione pubblico-privata per ottenere un edificio da mettere a disposizione della collettività. Era già capitato qualche anno fa con la piscina comunale, donata dalla Hypo Bank in cambio del via libera alla realizzazione della sede centrale dell'istituto bancario. «Per quanto riguarda la scuola - assicura Morandini - sarà la prima operazione di questo tipo in Italia. Siamo convinti che la strada del project financing porterà benefici al nostro territorio». A pensarlo non è solo la maggioranza, ma anche gran parte dell'opposizione, che a eccezione di Marco Duriavig, ha votato a favore dell'operazione. «Abbiamo preso una scelta importante per il futuro di Tavagnacco - chiarisce il sindaco Moreno Lirutti - perché con la costruzione della scuola riusciremo a mantenere l'identità di quel territorio creando un bacino per la scuola primaria. Il project financing - chiude il sindaco - ci permetterà di utilizzare in maniera virtuosa le risorse, portando a casa il risultato strategico nel quale abbiamo sempre creduto».Come detto, ora il Comune avvierà il bando del project financing che, salvo sorprese dell'ultim'ora, vedrà come unico partecipante il gruppo Hera.--© RIPRODUZIONE RISERVATA