scarica l'app
MENU
Chiudi
09/05/2020

Asfaltatura della discordia «Non si poteva farla prima I disagi durati 40 minuti»

La Prealpina

VIALE DUCA D ' A O S TA
(ma.li.) - Le code sui viali? «Le ha viste solo l ' ex assessore». I disagi? «Saranno durati in tutto 40 minuti». La programmazione? «Facile parlare con il senno di poi». Alessandro Della Marra ( foto ) non ci sta alle criticherivolte da Alberto Riva sulla partenza dell ' asfaltatura di viale Duca d ' Aosta in coincidenza con la fine del lockdown. «Posso capire che forse l ' ex assessore possa avere avuto input di criticarmi da qualcun altro o qualcun ' altra - dice il presidente di Agesp Strumentale - ma le polemiche sono veramente sterili, lui stesso durante la sua breve carriera politica (della quale ricordo solo le simpatiche idee sulle rotopizze), dovrebbe sapere che nelle ultime settimane non siamo stati in vacanza ma in lockdown. Spero si sia accorto che c ' è una pandemia». Nello specifico dell ' intervento, aggiunge: «Il casino, se così possiamo chiamarlo, è durato 40 minuti, e la settimana prima ha piovuto. I lavori non è che decido quando farli, ma si predispongono con direttore generale e tecnici, in confronto con l ' amministrazione e il settore lavori pubblici, quindi quella di Riva non è un ' offesa solo nei miei confronti ma anche nei loro. E comunque dovrebbe sapere anche come funziona il codice degli appalti e che non si possono avere favoritismi per aziende di Busto in una gara». Della Marra è un fiume in piena: «Risulta semplice con il senno di poi dare suggerimenti circa la condotta durante l ' emer genza. Il fatto è che a marzo e aprile molte delle ditte stradali, tra cui questa, hanno chiuso o ridotto l ' atti vità anche perché in molti casi non erano della zona, con le ovvie difficoltà di spostamento. Inoltre la filiera di approvvigionamenti di bitume e altri materiali risultava molto problematica. Anche Agesp del resto ha ridotto l ' attività ai servizi essenziali». Insomma, anticipare era quasi impossibile: «A partire dalla metà di aprile abbiamo programmato il riavvio, ma è stato necessario aggiornare documentazione e procedure per scongiurare pericoli di contagio». Che poi, in verità, «i lavori di viale Duca d ' Aosta erano stati programmati dalla 27 al 30 aprile, ma a causa della pioggia, in accordo con il Comune, sono stati spostati alla settima successiva. Invece sono stati eseguiti altri lavoristradali (di cui probabilmente chi si lamenta non è al corrente) quali il completamento del ' asfaltatura di via del Ponte e due attraversamenti pedonali rialzati. Inoltre i lavori di ripasso della segnaletica stradale sono stati avviati già dalla prima settimana di aprile, con tre squadre. L ' inter vento sul viale, invece, si è comunque svolto dal 4 maggio al 6 maggio (manca la segnaletica orizzontale) e sono stati eseguiti per fasce alternate senza interrompere il traffico. Non ci sono state particolari code o intasamenti, ma hanno comportato il disagio di dover rallentare la velocità dei mezzi».