scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
11/08/2021

Arrivano i soldi a sostegno delle imprese 4.0

La Stampa - MATTEO BORGETTO

camera di commercio
- P. 35 Trecentomila euro per il finanziamento di due bandi voucher digitali 4.0 che aiuteranno le imprese ad adottare tecnologie innovative e accelerare il processo di digitalizzazione. Sale così a un milione di euro l'importo stanziato dalla Camera di commercio di Cuneo a bilancio 2021 nell'ambito delle attività del Punto impresa digitale (Pid), una delle iniziative di promozione della cultura e della pratica digitale in aziende di tutti i settori, con l'obiettivo di migliorarne la competitività sui mercati nazionali e internazionali. «Siamo consapevoli della rilevanza di queste tecnologie, strumento indispensabile per la ripartenza delle imprese - dice il presidente, Mauro Gola -. I processi di innovazione e digitalizzazione rappresentano un fattore abilitante per la ripresa e la crescita delle aziende. Lo sforzo economico dell'Ente camerale è stato significativo, perché crediamo fortemente che la transizione digitale sia la chiave di volta per lo sviluppo. C'è una stretta correlazione tra digitalizzazione e internazionalizzazione, come dimostra la crescita più elevata dei volumi di export delle aziende che fanno uso maggiore di strumenti digitali». Consultabili alla sezione bandi sul sito www.cn.camcom.gov , le misure sono finanziate con lo stesso importo (150 mila euro) e partiranno il 1° settembre nell'ambito della sezione 3.1 «Aiuti di importo limitato» prevista dal «Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'emergenza del Covid-19». Il bando A è rivolto a imprese che partecipano a progetti aggregati, condivisi da un gruppo composto da 3 a 10 imprese, per supportare i progetti più qualificanti, che saranno selezionati da una specifica commissione. La misura B è rivolta a singole imprese per sostenere i singoli progetti aziendali, a rendicontazione. Nel primo caso, sono previsti voucher di importo massimo di 5 mila euro a impresa e non possono superare il 50% dei costi ammissibili, oltre a 250 euro di premialità per le aziende in possesso del rating di legalità. Nel secondo bando, i voucher varranno 3 mila euro a impresa (oltre alla stessa premialità di 250 euro) e anche in questo caso non potranno superare la metà delle spese ammissibili. Entrambi voucher saranno erogati con l'applicazione della ritenuta d'acconto del 4%. Ogni impresa potrà presentare una sola richiesta di contributo scegliendo tra la misura A o B (in caso di presentazione di più domande sarà presa in considerazione la prima in ordine cronologico) e dovrà rispettare una serie di requisiti. In particolare, avere sede legale o unità locale in provincia di Cuneo, essere in regola con l'iscrizione al Registro imprese, le normative su salute e sicurezza sul lavoro, e non essere in difficoltà alla data del 31 dicembre 2019. Le richieste vanno trasmesse dal 1° settembre al 15 ottobre e gli ambiti di innovazione dovranno riguardare almeno una tecnologia di un lungo elenco. Tra le altre, robotica avanzata, interfaccia uomo-macchina, manifattura additiva e stampa 3D, Internet delle cose e delle macchine, big data, intelligenza artificiale, realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D. MT. B. -MAURO GOLA PRESIDENTE CAMERA DI COMMERCIO
Queste tecnologie sono lo strumento indispensabile per la ripartenza delle imprese

1

milione La cifra stanziata per le attività del Punto impresa digitale


Foto: DANILO NINOTTO La sede della Camera di commercio in via Emanuele Filiberto a Cuneo