scarica l'app
MENU
Chiudi
01/07/2020

Arriva il “Libera Italia” Autocertificazioni compilate sul cellulare e appalti senza gara

La Repubblica - Roberto Petrini

Il decreto
Giovedì in Consiglio dei ministri. Per un anno affidamento diretto sui lavori sotto i 150 mila euro. Critiche da Leu e Verdi: c'è un condono edilizio Il reato di abuso d'ufficio più soft Oggi un vertice di maggioranza sugli ultimi nodi
ROMA - Un anno senza "lacci e lacciuoli" per gli appalti. Accelerazione dei tempi per ottenere il certificato antimafia. Intervento in materia penale per contrastare la cosiddetta "burocrazia difensiva" ridimensionando la disciplina del danno erariale e dell'abuso di ufficio. Digitalizzazione "forzata" del dialogo tra pubblica amministrazione e cittadini, a colpi di posta elettronica certificata (Pec) e codice Spid, l'identificativo informatico che potrà sostituire il documento di identità, che oggi spesso bisogna allegare alla mail in Pdf. Le autocertificazioni di potranno ottenere anche con una speciale app utilizzabile sul telefonino. Sono questi i punti di forza del decreto sul quale scommette il premier Conte per rilanciare il Paese piegato dagli effetti dell'epidemia. La bozza, che dovrebbe arrivare giovedì in Consiglio dei ministri e che è ancora esposta a modifiche, è composta di 48 articoli. "Semplificazioni del sistema Italia" o "Libera Italia", sono le formule con cui è stata per ora battezzata.
Sul piano politico non tutto per ora fila liscio: nella maggioranza si avvertono malumori di M5S sul capitolo appalti, Leu è preoccupata per le norme sull'ambiente, mentre il verde Angelo Bonelli denuncia all'articolo 10 la presenza di un «condono edilizio criminogeno»: si prevede infatti la possibilità di sanare vecchi stabili abusivi in presenza di una variante al piano regolatore. Anche i sindacati Cgil-Cisl-Uil chiedono congiuntamente la convocazione da parte del governo. Per questo motivo è possibile che fin da oggi la maggioranza avvii un confronto tecnico-politico che sciolga gli ultimi nodi.
Comunque le novità contenute nei 48 articoli in bozza sono rilevanti. Vediamo le più importanti. Appalti più veloci e senza gara Due sole modalità, valide per un anno fino al luglio del 2021, invece delle cinque soglie attualmente esistenti per gli appalti.
Sotto i 150 mila euro non ci sarà la gara e si procederà con l'affidamento diretto (fino ad oggi la soglia esente era 40 mila euro).
Sopra questa cifra sarà adottata la procedura negoziata, cioè una trattativa privata con la consultazione di almeno cinque operatori e indagini di mercato.
Resta salvo che sopra il limite dei 5 milioni scatta la gara pubblica europea.
Contro la "burocrazia difensiva" Due norme mirano a rassicurare e spronare i funzionari pubblici a prendersi la responsabilità di firmare lavori e provvedimenti. La prima rende meno stringente la fattispecie dell'abuso di ufficio: oggi c'è un generico divieto di violare leggi o regolamenti Vita più facile per i cittadini Si prevede l'accesso a tutti i servizi digitali tramite Spid, identificativo informatico, e tramite AppIO valida sul telefonino, sul quale si potranno anche produrre autocertificazioni. Si pianifica l'allargamento della Pec, la posta elettronica certificata, con la quale la pubblica amministrazione potrà comunicare con il cittadino. Il cambio di residenza da un Comune all'altro avrà effetto immediato a livello anagrafico, mentre notai, questure e altre amministrazioni dello Stato saranno messe in condizione di scambiarsi gli atti tra loro senza l'intervento del cittadino (matrimoni, liste elettorali ecc.).
Semplificazioni anche per carte d'identità e patenti di guida. Le amministrazioni pubbliche, infine, avranno l'obbligo di sviluppare i propri sistemi per favorire lo smartworking.
I punti principali Economia e cittadini, ecco le facilitazioni 1 2 3 Appalti senza gara Modificata per un anno la disciplina degli appalti. Sotto il valore di 150 mila euro non ci sarà gara e si procederà con l'affidamento diretto (fino ad oggi la soglia era di 40 mila euro).
Sopra questa cifra ci sarà la trattativa privata Abuso e danno Nella bozza circolata ieri sera vengono praticamente depotenziati il danno erariale e il reato di abuso di ufficio. Il danno erariale sarà limitato al danno e non più alla colpa grave. Anche per l'abuso d'ufficio fattispecie ridotte Silenzio assenso Una serie di norme tendono a velocizzare le opere pubbliche. Viene ridotto il termine per il silenzio assenso da parte della pubblica amministrazione.
Tempi accelerati per ottenere il certificato antimafia e le altre autorizzazioni.
4 5 6 Spid e mail Dialogo del cittadino con la pubblica amministrazione velocizzato. Un piano estende la Pec, la posta elettronica certificata al massimo dei cittadini. Mentre per fare domande e accedere ai servizi si userà Spid, l'identificativo web Sposi e residenza Certificati di matrimonio, atti notarili e cambio di residenza si potranno svolgere in via telematica. Il cambio di residenza avrà valenza immediata. Gli uffici pubblici saranno obbligati a dialogare tra loro Autocertificazioni Attraverso la AppIO con il telefonino si potranno produrre autocertificazioni, avanzare istanze e fare dichiarazioni direttamente online.
La pubblica amministrazione dovrà favorire smartworking e digitalizzazione

Foto: kConte e Gualtieri Il presidente del Consiglio e il ministro dell'Economia scommettono sul decreto per rilanciare l'economia


Foto: REUTERS/REMO CASILLI/FILE PHOTO