scarica l'app
MENU
Chiudi
12/06/2019

Arrestati, venerdì la surroga

Il Messaggero

CERVARO/ BLITZ IN COMUNE
Arresti in Comune a Cervaro: attesa per la decisione del Gip sulla revoca degli arresti domiciliari per il sindaco Angelo D'Aliesio, gli assessori Vincenzo Ricciardelli e Gino Canale, per il tecnico comunale Enzo Pucci e per l'imprenditore di Veroli Alfredo Coratti, titolare della Tac Ecologia, l'impresa che si è aggiudicata la gara d'appalto da un milione di euro per la gestione della raccolta differenziata.
Proprio l'appalto dei rifiuti ha messo nei guai gli amministratori e le altre persone coinvolte. La Procura e i carabinieri forestali, infatti, ritengono che la procedura di aggiudicazione, che risale al 2017, sia stata pilotata e su essa poggiava un presunto patto corruttivo con la finalità di far assumere, dalla Tac Ecologia, persone compiacenti che avrebbero votato l'amministrazione D'Aliesio.
Per questo a tutti gli arrestati viene contestata la corruzione, la corruzione elettorale (voto di scambio) e la turbativa d'asta. Le indagini, però, non si fermano: i carabinieri forestali sotto il coordinamento del sostituto procuratore Emanuele De Franco stanno analizzando la mole di documenti, alcuni dei quali concernenti il contratto in essere tra il Comune e la Tac Ecologia. Occhio vigile anche sulla prossima gara d'appalto per la gestione della raccolta differenziata, il precedente, infatti, è in scadenza.
Nel frattempo è stato convocato per venerdì prossimo alle 19 il consiglio comunale nel quale ci sarà la surroga, temporanea, dei consiglieri sospesi dal prefetto di Frosinone Ignazio Portelli per effetto della legge Severino, e la presa delle funzioni del vice sindaco Tiziana Di Camillo. Al posto di Canale e Ricciardelli (quest'ultimo dimessosi solo dalla carica di assessore allo Sport, Attività Produttive, Commercio, Assistenza e Manifestazioni) entrano in consiglio comunale i primi due non eletti: Gemi Pignatelli e Francesco Arciero.
La minoranza compatta chiede le dimissioni e l'immediato ritorno alle urne.
Proprio la minoranza consiliare ha ottenuto l'inserimento all'ordine del giorno della discussione sul futuro politico e amministrativo del Comune.