scarica l'app
MENU
Chiudi
12/05/2020

Arona, parte il progetto di recupero del verde nella zona del Vevera

La Stampa - V.S.

coinvolte le associazioni
Il progetto «Viva il Vevera» potrebbe presto vedere la luce se la richiesta di contributo presentata dal Comune di Arona alla Compagnia San Paolo sarà accettata. Il Comune ha stretto un'intesa con la cooperativa Vedogiovane, l'Istituto per l'ambiente e l'educazione Scholè Futuro Onlus e Aib per la valorizzazione di un'area lungo l'alveo del torrente Vevera di cui è proprietario. Questi soggetti hanno presentato insieme domanda di partecipazione al bando di cofinanziamento «Restauro ambientale sostenibile» della Compagnia San Paolo il cui scopo è sostenere progetti per la rigenerazione del patrimonio naturale delle aree maggiormente antropizzate dei territori di Piemonte e Liguria. Il bando ha tra gli obiettivi aumentare le aree verdi dei centri urbani, supportare processi di inclusione sociale, sviluppo economico e valorizzazione culturale mediante l'investimento in capitale naturale, rafforzare i legami di cooperazione e solidarietà, promuovere l'educazione ambientale. L'area lungo il Vevera al centro del progetto, come spiegato nella delibera approvata dalla Giunta nella seduta del 21 aprile, «presenta le caratteristiche richieste dal bando in quanto necessita di un recupero ambientale e funzionale e deve essere sottratta al rischio di compromissione e deturpamento anche per la vicinanza con scuole. Ben si presta ad attività di valorizzazione ambientale che veda il coinvolgimento di realtà locali e cittadini». «Si tratta di un progetto che sarà realizzato in parte con il contributo della Compagnia San Paolo e in parte con fondi comunali - spiega l'assessore Chiara Autunno - prevede la sistemazione dell'area di cui si occuperà l'Aib, la creazione di un'area giochi per bambini e un percorso vita salute. Vorremmo che diventasse il luogo per iniziative che coinvolgano le numerose famiglie che abitano nella zona a cura della cooperativa Vedogiovane. La onlus Scholè Futuro sarà responsabile di attività didattiche e di comunicazione». - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: L'assessore Chiara Autunno