scarica l'app
MENU
Chiudi
28/04/2020

Area ex liceo scientifico, si riapre il bando

QN - Il Resto del Carlino

CIVITANOVA di Giuliano Forani La Provincia riapre il bando per l'area dell'ex liceo scientifico di Fontespina; l'amministrazione concorda la proposta con il presidente Antonio Pettinari, prende atto della situazione e insieme confidano che finalmente si possa stimolare l'interesse di qualche acquirente. E' il quarto tentativo di vendita all'asta, tutti fino ad oggi sono andati a vuoto sebbene l'area, di proprietà della Provincia, si trovi in una location interessante, a quattro passi dal mare, lungo la Statale 16 e in un quartiere che negli ultimi anni ha conosciuto un grande incremento demografico. A frenare gli appetiti degli investitori, il periodo piuttosto nero per il settore edilizio e, dicono gli esperti, il costo piuttosto importante inserito nella base d'asta. L'odissea di questa area, che misura 15mila metri quadrati, è iniziata una decina di anni fa, sotto la legislatura del sindaco Mobili. Piuttosto allettanti le proposte iniziali, che prevedevano una parte residenziale, una parte commerciale e direzionale, con uno spazio riservato anche al sanitario (una farmacia e ambulatori medici). Importante anche il costo, dicevamo, oltre i 4 milioni, e l'asta andò deserta. Nel 2014, il sindaco Tommaso Claudio Corvatta, d'accordo con Pettinari, rivisitò e ridimensionò il piano, eliminando il residenziale e lasciando intatto il resto dell'offerta; il prezzo scende a 3 milioni e mezzo ma il bando non ha risposte, come non le ha quello successivo. Una storia complessa, anche perché tutta la zona è precipitata in un totale degrado, con l'edificio divenuto dimora di nomadi ed extracomunitari, luogo di spaccio e di consumo tra le proteste dei confinanti. Adesso l'ennesimo tentativo. All'asta, un patrimonio ove realizzare 2mila metri quadrati di commerciale (esercizi di dimensione piccolo-media, qualche agenzia bancaria, eccetera) e altrettanti di direzionale. Previsti anche parcheggi, spazi a verde, infrastrutture di servizio e una rotatoria. Un'area che sarà bonificata e riqualificata profondamente, quindi, con doppio beneficio della città. Il presidente Pettinari, infatti, ha annunciato che le famose rotatorie di Costamartina e la Celeste saranno realizzate con i proventi della vendita dell'ex liceo. E Pettinari è un uomo di parola. Si riapre il bando, quindi, o meglio, si lascia aperto quello già in essere ma con varianti più allettanti e un prezzo più abbordabile rispetto ai tempi che corrono. © RIPRODUZIONE RISERVATA