MENU
Chiudi
25/08/2018

Aqp, sulle manutenzioni l’ipotesi di internalizzare

La Gazzetta Del Mezzogiorno

PUGLIA LE STRATEGIE DELLA REGIONE DOPO TRE ANNI DI PROROGHE I nuovi contratti sono stati aggiudicati a gennaio ma il contenzioso con le imprese è ancora aperto: il caso della provincia di Bari
Stop appalti, potrebbero essere assorbiti i 600 addetti alle reti cittadine
MASSIMILIANO SCAGLIARINI l BARI. Il pronto intervento sulle reti idriche e fognarie comunali è uno degli appalti più complessi di Acquedotto Pugliese. Nel settore li definiscono cottimi, 16 lotti triennali che impegnano 600 dipendenti e valgono 170 milioni di euro. Una procedura delicatissima e complessa gli appalti, scaduti nel 2014, sono stati aggiudicati solo a gennaio e sono tuttora oggetto di valutazione nei tribunali amministrativi - su cui la Regione sta valutando di cambiare marcia. Come avvenne nel 2015 con la gestione dei depuratori, anche la manutenzione delle reti idriche cittadine potrebbe infatti essere internalizzata e dunque svolta direttamente. Si tratta di una delle ipotesi che verranno esaminate nelle prossime settimane, dopo che il management di Aqp ha completato il subentro dei vincitori con il relativo passaggio dei dipendenti alle nuove imprese. Uno schema vecchio, si fa notare dalle parti della Regione, che negli anni ha provocato più disagi che benefici: trattandosi di contratti a chiamata (l'impresa viene attivata solo in caso di guasto o sulla base di interventi programmati), la pulizia e la manutenzione ordinaria hanno spesso lasciato a desiderare proprio perché si lavora soprattutto sulla logica dell'emergenza. Sui 16 lotti aggiudicati tra dicembre e gennaio sono stati finora presentati 12 ricorsi alla giustizia amministrativa. Di questi, sette sono stati respinti definitivamente e tre vanno seguiti con attenzione. A partire da quello che riguarda il cottimo numero 16, la provincia di Bari, vinto da Matarrese srl con un ribasso del 19,6%. Il mese scorso il Tar ha accolto il ricorso presentato da una Ati guidata dalla Fd Costruzioni di Gravina, che era stata esclusa ed è stata riammessa: i giudici hanno annullato l'aggiudicazione a Matarrese, e Aqp deve decidere come muoversi. Il Tar di Lecce ha poi ribaltato l'esito della gara per il lotto numero 8, la provincia di Taranto, che era stato assegnato alla Bastone di Nardò ed è invece passato ad una Ati guidata dagli spagnoli di Acciona in cui figurano anche Del Fiume e Castiglia (il Consiglio di Stato ha respinto l'appello cautelare dei salentini perché nel frattempo è stato sottoscritto il contratto). Resta poi in piedi il ricorso presentato da Conscoop sul lotto 13, la provincia di Lecce, aggiudicato alla Idrovelox di Lecce. In Acquedotto Pugliese la conclusione delle procedure di appalto per i cottimi (quelli precedenti erano scaduti nel 2014 e sono stati più volte oggetto di proroga) viene considerata un traguardo importante considerando, appunto, la complessità dei bandi e gli incroci tra imprese (ciascuna poteva vincere solo un lotto). Al momento i 600 posti di lavoro sono tutti garantiti, con continuità. Ma trattandosi di un appalto di servizi con la formula dell'accordo quadro (che prevede una sorta di listino per ciascun intervento), Aqp non ha obblighi particolari nei confronti delle imprese: paga solo per ciò che ordina. Non sarebbe dunque necessario attendere la scadenza dei contratti per affrontare un ragionamento di tipo diverso. Nel 2015 Acquedotto già decise per l'internalizzazione dei 170 depuratori, fino ad allora affidati in gran parte all'impresa Putignano, con una spesa 29 milioni l'anno. I 400 lavoratori dell'appalto transitarono in una controllata che è stata successivamente assorbita. Un'operazione molto complessa, soprattutto sul fronte sindacale, ma che ha consentito di accelerare gli interventi di adeguamento e modernizzazione degli impianti.

170

MILIONI DI EURO Il valore dell'appalto triennale per i cosiddetti «cottimi» di Aqp

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore