MENU
Chiudi
04/10/2018

Aprilia resta senza un canile Gli animali verranno a Latina

Il Messaggero

Aprilia non ha un canile comunale ed ora rischia di vedere trasferiti a Latina tutti i cani che vengono recuperati dalle strade del territorio. La denuncia arriva dall'Associazione Amici Di Birillo Onlus che ha presentato al sindaco di Aprilia un'istanza per l'attivazione del procedimento di annullamento o rettifica del bando di gara per l'assegnazione del servizio di ricovero presso il canile dei cani catturati sul territorio. «In sostanza spiega l'associazione - il canile privato convenzionato da anni con il comune di Aprilia è stato in prima fase escluso dal bando che una volta concluso ed applicato farà si che i cani randagi accalappiati sul territorio di Aprilia, verranno trasferiti nel canile aggiudicatario del bando. Probabilmente a Latina, in grandi strutture già esistenti». L'associazione mette in evidenza come il bando non rispetti alcune norme europee, italiane e comunali sul benessere animale. «Il bando dicono i volontari - propone infatti una diaria minima a ribasso ben inferiore di quanto stabilito dal Ministero della Sanità per il mantenimento in buone condizioni dei cani. C'è poi la discriminante del fatturato minimo che i canili partecipanti al bando devono possedere, clausola che favorisce solo aziende grandi escludendo di fatto le piccole realtà virtuose già presenti sul territorio. Oltre all'aspetto normativo, c'è poi un aspetto morale: l'associazione dal 2010 opera presso il canile finora convenzionato per promuovere le adozioni dei cani a carico delle casse comunali. In quasi dieci anni di attività sono stati fatti adottare circa 400 cani ogni anno, facendo risparmiare al Comune e quindi ai cittadini diverse centinaia di migliaia di euro. Aprilia, anche grazie al nostro lavoro, è considerata una città all'avanguardia nella lotta al randagismo, ma queste buone pratiche rischiano di vanificarsi a partire dai prossimi mesi. Tutto il meccanismo che ha portato a questi risultati si basa, infatti, sul lavoro collaborativo tra volontari e canile. Struttura che deve essere in loco e di proporzioni controllabili. Nelle grandi strutture è impossibile conoscere bene i cani e svolgere un buon lavoro di socializzazione».

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore