MENU
Chiudi
25/10/2018

«Appalto rifiuti, la Tari subir à un ritocco »

Il Secolo XIX

IL NUOVO SERVIZIO CONSORTILE
I sindaci del comprensorio: il porta a porta ha costi superiori, inevitabile nei primi anni un piccolo aumento delle tariffe I risparmi sulle bollette potranno concretizzarsi quando la differenziata andr à a regime
Loredana Demer / BORDIGHERA La tariffa della Tari non diminuir à nel 2019. Anzi, è probabile che subisca un aumento seppur, per ora, irrisorio. La decisione dei diciotto sindaci del Ponente di istituire un ufficio che dovr à avviare la gara d'appalto per assegnare il ser vizio rifiuti comprensoriale (spesa complessiva 98 milioni di euro, durata settennale, 25 mila tonnellate di rifiuti da smaltire, 60 mila utenti) coster à ai contribuenti nella sua prima fase (si assumer à ora soltanto il responsabile dell'esecuzione del contratto) 100 mila euro. Somma che ricadr à sulla Tari 2019. È emerso dal summit svoltosi a Ventimiglia e nel quale il Comune di Bordighera è riuscito a far diminuire l'impegno finanziario, fissato in un primo tempo a 184 mila euro. Dunque 45,6% in meno di tale costo, ma non incider à con la stessa percentuale sulla riduzione delle bollette come invece sostiene Palazzo Garnier "smentito " oggi dalle altre amministrazioni, dati alla mano. L'incidenza nelle spese dell ' appalto per Bordighera ammonta al 24,18%. Il Comune dovr à versare per l'ufficio istruttorio 24.180 euro. Gli utenti Tari nella citt à delle palme sono 13.273. Quindi nel 2019 la tariffa aumenter à di 1,82 euro di media, imprevisti permettendo. « La Tari non diminuir à del 45% - puntualizza Davide Gibelli, sindaco di Camporosso - Ogni servizio aggiuntivo ha un costo. L'aumento per il nuovo ufficio sar à irrilevante ma è una spesa in più non un "taglio "» . E conferma Enrico Ioculano sindaco di Ventimiglia: « Impossibile pensare neppure lontanamente a diminuire la Tari in questa fase transitoria. Ma l'aumento si discoster à di poco da quanto pagato ora dagli utenti » . E Fulvio Gazzola, sindaco di Dolceacqua: « Abbiamo lavorato affinch é gli aumenti gravino il meno possibile sui cittadini » . Precisa Antonio Fimman ò , sindaco di Soldano: « E' stata diminuita solo la voce relativa all'ufficio. Nessun taglio alle tariffe » . Silvano Pisano, sindaco di Apricale: « Su un appalto da 14 milioni di euro tagliare 84 mila euro incide poco. Nel 2019 pagheremo come oggi o qualcosa in più, non in meno » . Roberta Guglielmi, sindaco di Vallebona, effettuer à « le valutazioni possibili per non incrementare la Tari » . Enrico Ilariuzzi, sindaco di Seborga commenta: « Data la nostra incidenza nelle spese, l'istituzione dell'ufficio non verr à percepita. Ma non ci saranno ora diminuzioni di tariffe » . E il sindaco di Vallecrosia Armando Biasi: « L'ufficio verr à predisposto a tutela dei cittadini. E' una spesa aggiuntiva solo nel 2019. Nel 2020 rientrer à nel costo di appalto. A regime diminuir ò la Tari del 20% » . Potr à farlo perchè ora Vallecrosia non effettua la differenziata, ha aumentato la spesa dello smaltimento. Biasi conclude: « Ma senza aver ancora bandito la gara come si fa a dire che il prossimo anno diminuiremo la Tari? » - c BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Foto: Nel 2019 inizier à il porta a porta in 18 comuni


Foto: FOTO GENZANO

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore