scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/04/2021

Appalto rifiuti da rifare il Tar ha accolto il ricorso di Quendoz

La Stampa - A. MAN.

vale oltre 30 milioni di euro per i prossimi sei anni
Annullata l'assegnazione alla De Vizia di Torino L'offerta giudicata troppo bassa: nuove valutazioni
Tutto da rifare. Si allungano ancora i tempi per l'assegnazione dell'appalto per la raccolta dei rifiuti e l'igiene urbana ad Aosta. Il Tar ha accolto il ricorso della seconda classificata, la Quendoz srl di Jovençan, annullando l'assegnazione del servizio alla De Vizia Transfer spa di Torino. Ora però l'assegnazione non sarà fatta alla Quendoz: la De Vizia aveva proposto un'offerta «anormalmente bassa»; la commissione giudicatrice della Cuc, la Centrale unica di committenza dell'Inva spa, aveva valutato congrua l'offerta. Servirà una valutazione più approfondita da parte della Cuc sull'affidabilità della ditta torinese. Martedì 16 marzo, i giudici Il Tribunale amministrativo regionale della Valle d'Aosta hanno accolto parte del ricorso presentato da Quendoz, attuale gestore del servizio, arrivata seconda nella gara d'appalto da oltre 30 milioni di euro per il servizio per i prossimi sei anni. La sentenza è stata pubblicata nei giorni scorsi. La questione tecnica riguarda l'obbligo di motivare, da parte della commissione di gara «l'ammissione quando il concorrente abbia dichiarato l'esistenza di sentenze civili nei riguardi dell'impresa, sentenze penali o giudizi pendenti nei confronti di esponenti della stessa, revoche di appalti in fase esecutiva». «A partire dal verbale che ha disposto l'ammissione della controinteressata (la De Vizia, ndr), tutti gli atti conseguenti debbono essere annullati - si legge nella sentenza - affinché la stazione appaltante esamini nuovamente il contenuto della dichiarazione della controinteressata e, anche attraverso un'eventuale attività istruttoria, esprima un motivato giudizio se i fatti ivi segnalati nel loro complesso minino o meno l'integrità e l'affidabilità del concorrente». Oggi il servizio è stato prorogato alla Quendoz. «La prima proroga sarebbe scaduta lo scorso 31 marzo - dice Loris Sartore, assessore comunale all'Ambiente - e per consentire di arrivare all'assegnazione definitiva abbiamo deciso una proroga di altri tre mesi, quindi fino al 30 giugno». - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Raccolta rifiuti in via De Tillier prima della pandemia