scarica l'app
MENU
Chiudi
27/06/2020

Appalto del calore di Sala: alt del Tar Atti ai pm contabili

Il Fatto Quotidiano - DAVIDE MILOSA

COMUNE DI MILANO / ZOOM
Circa 40 milioni di appalto. Fatto senza gara pubblica, con un affidamento diretto, " violando i principi comunitari della libera concorr en z a " e aumentando le cifre delle forniture. Tanto da prefigurare un danno erariale sul quale indaga la Corte dei conti. Sul piatto c ' è il nuovo piano energetico del Comune di Milano, firmato anche dal sindaco Beppe Sala e rispedito al mittente ieri dal Tribunale amministrativo che ha sospeso la proroga di un anno alla francese Engie spa deliberata dalla giunta e motivata anche con l ' emergenza Covid. La decisione è arrivata dopo il ricorso di Siram, società che ha vinto il bando Consip Sie3 e che avrebbe avuto sulla carta la priorità per gestire il " cal ore " di circa 700 immobili del comune di Milano. La vicenda, rivelata dal Fat to , si infiamma dopo che il Comune, senza apparente motivazione se non l ' urgenza pandemia, affida ai vecchi appaltatori la proroga annuale di un appalto che in totale vale 300 milioni di euro in 15 anni e sul quale da mesi lavorano la municipalizzata A2a e la stessa Engie. Tutto questo nonostante si sapesse da tempo la scadenza dell ' appalto al 15 aprile scorso. La delibera di giunta fissa così una proroga di un anno. Ieri il Tar ha ridimensionato la data al 15 ottobre prossimo, inviando il fascicolo alla Procura contabile. Il tribunale evidenzia la necessità " di disporre la trasmissione degli atti alla Corte dei Conti, in considerazione del fatto che la rinegoziazione disposta senza gara in favore di Engie Servizi Spa comporta per l ' amministrazio ne una spesa di 34.810.442,66 euro " . Un bel guaio per Sala.