scarica l'app
MENU
Chiudi
14/05/2020

Appalto, committente responsabile

Il Sole 24 Ore Dossier - Giulio Benedetti

Manutenzioni. Va assicurata la protezione sanitaria dei dipendenti
PREVENZIONE In caso di lavori l'accesso deve essere regolato in modo da ridurre le occasioni di contatto tra le persone
L'amministratore ricorre al contratto di appalto per eseguire i lavori all'interno del condomino e, per l'articolo 93 del Dlgs 81/2008, è esonerato dalle responsabilità connesse all'adempimento degli obblighi, limitatamente all'incarico conferito al responsabile dei lavori. L'articolo 90 del Dlgs 81/2008 obbliga il committente alla diligenza nella scelta dell'impresa appaltatrice, perché sia adeguatamente preparata e sia in grado di svolgere l'opera commissionata e garantisca la sicurezza dei dipendenti: pertanto ne deve acquisire l'iscrizione alla Camera di commercio e il Duvri. GLI OBBLIGHI DEL COMMITTENTE Il Dpcm 26 aprile 2020, per il periodo decorrente dal 4 al 17 maggio, carica il committente di altri adempimenti per cooperare con il datore di lavoro ad assicurare la protezione sanitaria dei dipendenti. L'allegato 7,punto 2, del decreto prevede che il committente disciplini l'accesso dei fornitori al cantiere e pertanto l'amministratore condominiale , unitamente all'appaltatore, per l'area condominiale , devono:  individuare le procedure di ingresso, di transito e di uscita, dei fornitori esterni al cantiere mediante modalità, percorsi e tempistiche predefiniti, per ridurre le occasioni di contatto con il personale presente nel cantiere, con l'integrazione nel piano di sicurezza e di coordinamento;  prevedere che gli autisti, se possibile , rimangano a bordo degli automezzi ed evitare che accedano all'interno del cantiere e per effettuare le operazioni di carico e di scarico, a meno che ci si attenga alla distanza minima di un metro dalle altre persone. GLI OBBLIGHI DELL'APPALTATORE L'allegato 7 , punto 3, del decreto riguarda la pulizia e la sanificazione del cantiere e l'amministratore, nei limiti delle sue attribuzioni, deve cooperare affinché l'appaltatore, in qualità di datore di lavoro, compia le seguenti operazioni :  assicuri la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica delle aree comuni e limiti l'accesso ;  verifichi la corretta pulizia degli strumenti individuali di lavoro;  nel caso della presenza di una persona con Covid -19 all'interno del cantiere, proceda alla pulizia e alla sanificazione dei locali;  disponga la periodicità della sanificazione. DITTE DI SANIFICAZIONE Per quanto riguarda le aziende che effettuano le operazioni di pulizia e di sanificazione all'interno del condominio, oggetto di uno specifico contratto di appalto, il datore di lavoro definisce i protocolli specifici in accordo con i rappresentanti dei lavoratori. I lavoratori devono essere dotati di tutti gli indumenti e i dispositivi di protezione individuale e le operazioni di sanificazione devono essere compiute secondo la circolare 5443/2020. I DIPENDENTI DEL CONDOMINIO L'amministratore e il datore di lavoro, in relazione ai propri dipendenti, secondo l'allegato 7, punto 4, del decreto, prescrivono che i lavoratori, all'interno del condominio, adottino tutte le precauzioni igieniche e assicurino il frequente e minuzioso lavaggio delle mani , anche durante l'esecuzione delle lavorazioni, e siano dotati di idonei detergenti per le mani. L'amministratore e il datore di lavoro , secondo l'allegato 7, punto 5, devono dotare i propri dipendenti di mascherine , conformi alle prescrizioni dell'Oms, o dell'autorità sanitaria e di guanti , occhiali, tute e cuffie, strumenti idonei a ridurre la possibilità del contagio. © RIPRODUZIONE RISERVATA