scarica l'app
MENU
Chiudi
22/05/2020

Appalti truccati all’Anas di Catania Sette condannati

La Stampa

buche d'oro
Arrivano le prime condanne per i funzionari di Anas e gli imprenditori che hanno patteggiato la pena e che sono coinvolti nell'inchiesta Buche d'oro della Guardia di finanza per una serie di appalti truccati lungo le autostrade siciliane. Il giudice per le udienze preliminari, Luca Lorenzetti, ha inflitto pene che vanno da un minimo di un anno e 9 mesi a un massimo di quattro anni per corruzione. I finanzieri arrestarono in flagranza i funzionari dell'Anas, accusati di aver intascato mazzette da un imprenditore per i lavori di rifacimento delle strade statali della Sicilia orientale e centrale. Le condanne: quattro anni ciascuno per corruzione a Riccardo Contino, Giuseppe Romano; due anni e 11 mesi a Giorgio Gugliotta; tre anni e sei mesi a Giuseppe Panzica; un anno e nove mesi a Gaetano Trovato, tutti dipendenti dell'Anas. Condannati a due anni gli imprenditori Vincenzo Baimonte e Vito D'Anna. Il giudice ha accolto il patteggiamento ma non ha concesso le pene accessorie chieste dalla Procura. -