scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
06/02/2021

Appalti senza bando e senza gara, balzo a 2,2 miliardi a fine 2020

Il Sole 24 Ore - Giorgio Santilli

OSSERVATORIO CRESME
Si comincia a vedere l'effetto del decreto Semplificazioni nei dati del quarto trimestre Occorre investire di più su orientamento, materie scientifiche, Its, apprendistato, dottorati industriali
Eccoli qui i primi numeri che fotografano il balzo degli appalti ad affidament o diretto, senz a gar a e senz a band i pe r effetto del decreto legge Semplificazioni. Un taglio nett o alla trasparenz a e alla con - correnz a nel mercato. Li scova e li segnal a l'Osservatorio Cresme-Il Sole 24 Ore sulle gar e de i lavori pubblici, a conferma che quest o gener e di statistiche son o utilissim e pe r fotografar e le tendenz e del mercat o degli appalti pubblic i (se letti correttamente). Ebbene, il totale delle procedur e senz a gar a pien a registrat e nel quart o trime - stre 2020 ammontan o a 2,2 miliardi, tre volte quant o successo nella prima met à dell'anno (medi a trimestral e 708 milioni) prima dell'entrata in vigore del decreto legge Semplificazioni. Ma è la scomposizione del totale che riserva letture assai interessanti perché il decreto Semplificazioni interviene su diversi segmenti del mercato.Quello più dificile da intercettare - anche perché no n vi è obbligo di avviso pe r un a fascia di piccoli lavori - è quella che riguarda interventi di import o inferior e a 150mila euro. Qui i numeri - con u n a crescita da 79 a 86 milioni di lavori fr a terzo e quart o trimestr e - n o n evidenziano alcun fenomen o che, appunto , resta sommerso . Diverso è il discorso pe r la fascia di lavori da 150mila a 5 milioni di eur o dove si pass a dai 431 milioni medi per trimestre della prima parte dell'anno a 1.031 miliardi avviati all'appalto senz a gara. Due volte e mezza , quindi. Il numer o di lavori è u n altro indicatore che conferma il balzo: si pass a dai 936 interventi del secondo trimestr e ai 1.670 del quart o (+65%). Ma il vero balzo è nelle procedure negoziat e (quelle che un a volta si chiamavan o trattative privat e a inviti) pe r la fascia superior e ai 5 milioni di euro. Per i cosiddetti lavori sopr a soglia, pe r altro, la stessa Ue prevede condizioni eccezionali - individuate dal decreto Semplificazioni nell'emergenz a Covid - pe r pote r proceder e su quest a strada . Fatto sta che si pass a d a 185,3 milioni a 1.083 milioni, con u n salto di quasi dieci volte. Eccola qui la rappresentazion e plastica dell'effetto Semplificazioni. Il Cres me riesce per ò a far e u n ulterior e lavoro su questi dati, dividend o quest a categoria in procedur e n e - goziate con bando , che passan o da 108 milioni a 650,2 milioni (6 volte), e procedur e negoziat e senz a neanch e il band o di gara, che passano da 77,3 a 433,4 milioni (anche in quest o caso 6 volte). Il Cresme estra e anche l'elenco delle principali oper e che hann o scelto le scorciatoie previste dal decreto legge Semplificazioni. Ai primi sei posti pe r dimension e - parliamo di oper e che vann o da 85,4 a 19,1 milioni - ci sono quattro oper e dell'Anas, a conferma che h a avuto effetto la pressione esercitata dalla ministra delle Infrastrutture, Paola De Micheli, pe r l'applicazione del decreto Semplificazioni. Oltre all'Anas, un'altra stazione appaltante che h a utilizzato le procedur e ne - goziate veloci è l'Autorità del sistem a portual e del Mar Ligure Occidentale , che h a piazzato cinque oper e fr a le prime undici. Va pe r altro detto che in questo caso giocavan o u n ruolo anche i poteri commissariali collegati alla ricostruzion e del Pont e di Genova.