scarica l'app
MENU
Chiudi
20/06/2020

Appalti per il 70%: ” Banijay ” domina il servizio pubblico

Il Fatto Quotidiano - Gianluca Roselli

VIALE MAZZINI Numeri La torta delle produzioni
Palinsesti L ' anno scorso affidato in esterna il 29% tra programmi e fiction: a prevalere è l ' ex Endemol
Nel consiglio di amministrazione di Viale Mazzini, mercoledì scorso, l ' ad Fabrizio Salini ha annunciato un taglio alle produzioni esterne della Rai nonché un limite allo strapotere degli agenti. Società di produzione e agenti delle star, infatti, nell ' ulti mo decennio l ' hanno fatta da padrone nel servizio pubblico. Nei palinsesti del 2019, per esempio, la Rai ha affidato fuori il 29% delle produzioni, per un totale di 2.786 ore sui tre principali canali generalisti. DI SOLITO case di produzione e agenti che lavorano di più sono sempre gli stessi, ma da qualche mese siamo di fronte a una vera e propria anomalia. Da quando Banijay (che in Italia è nata dalla fusione di Magnolia e Dry Media e in Europa è controllata per il 33% da Vivendi) ha acquisito Endemol Shine nell ' otto br e del 2019, il gruppo franco-italiano guidato da Marco Bassetti , con 1923 ore di trasmissione, detiene il 69,7% degli appalti totali della Rai, con un ricavo superiore a 120 milioni di euro l ' anno. Freemantle di L orenzo Mieli , per esempio, ha il 4,7%, Stand by me di Simona Ercolani il 4,1% e Lux Vide di Matilde Bernab ei il 2,7%. Un dominio, quello di Banijay, che si manifesta soprattutto sulla rete più importante, Raiuno, dove, sempre nel 2019, ha prodotto l ' 83 % delle ore totali appaltate all ' esterno. Lavorando molto anche per Mediaset, La7, Sky e Discovery, il gruppo franco-italiano si trova spesso ad avere nello stesso orario due trasmissioni in diretta concorrenza. Per esempio, contemporaneamente vanno in onda I soliti ignoti su Raiuno e Guess my age su Tv8, L ' e re d i t à sul primo canale e Avanti un altro o Conto alla rovescia su Canale 5, e durante il giorno Vieni da me su Raiuno e Detto Fatto su Raidue. naturalmente, è il canale che fa più gola alle società esterne, perché l ' audience è superiore. Naturale, quindi, che qui si scatenino gli appetiti maggiori. Sulla rete ammiraglia, nel 2019, per quanto riguarda l ' i nt ratt e ni m e nto la parte del leone l ' ha fatta sempre Banijay con 70 ore di trasmissione (44%), seguita da Officina, la casa di produzione di Fa b i o Fa z i o che produce Che tempo che fa , con 34 ore di messa in onda (22%), cui segue Ballandi (la società fondata da Bibi Ballandi ), che ha la sua punta di diamante in Ballando con le stelle , con 32 ore (20%) e da Endemol - prima della fusione - con 22 ore (14%). " Se lavorano sempre gli stessi, si crea un ' anomalia che non fa bene al sistema televisivo e alla Rai, che come servizio pubblico avrebbe il dovere di distribuire le produzioni a 360 gradi " , osserva una fonte della tv di Stato. TRA L ' ALTRO, non si comprende perché Viale Mazzini continui ad acquistare così tanto fuori quando l ' ad Salini ha creato una Direzione Nuovi Format che avrebbe proprio il compito di ideare nuovi programmi da realizzare internamente. Struttura che finora è rimasta una scatola vuota: non c ' è un direttore e nemmeno il personale dedicato. Altro settore che fa molta gola alle case di produzione sono le fiction, anche perché vengono realizzate tutte esternamente, con un budget importante: 200 milioni circa la spesa nel 2019 di Rai Fiction, guidata dal 2012 da Eleonora " T inny " Andreatt a . Guardando sempre a Raiuno, la rete che ne trasmette di più, la parte del leone, nel 2019, l ' ha fatta la Lux Vide con 76 ore (27%), seguita da Endemol con 24 ore (9%), Palomar ( Carlo Degli Esposti ) con 22 ore (8%), Leone con 27 ore (7%), Picomedia con 18 ore (6%). E poi Casanova, Clemart, Idea Film, Indiana e Indigo tutte con circa 12 ore, il 4% del totale. POI C ' È LA questione agenti. Qui a fare il bello e il cattivo tempo sono i soliti Lu cio Presta , con la sua Arcobaleno Tre, e Beppe Casche tto , con Itc2000. " A seconda dei direttori di rete, a volte ha più potere il primo, a volte il secondo. Si fanno la guerra da anni a colpi di predominio sui palinsesti, dandosele di santa ragione " , continua la nostra fonte. Ma non sono i soli. Tra quelli in crescita ci sono Fernando Capecchi con la Vegastar e Luisa Pis toia con Sosia&Pistoia. Secondo quanto annunciato da Salini, che ha recepito le delibere di Agcom e Vigilanza, d ' ora in poi un agente non potrà avere più del 30% di artisti in un singolo programma e vanno tenuti ben distinti i ruoli di conduttore, agente e produttore, senza potersi sovrapporre. I tagli annunciati (tra il 10-15% quelli ai cachet di star e conduttori) dovranno servire a limitare le perdite della tv di Stato, visto che per il 2020 è previsto un rosso di 45 milioni. © RIPRODUZIONE RISERVATA LE CIFRE MILIONARIE DI RAIUNO 44% IL GRUPPO GUIDATO da Marco Bassetti, Banijay, lavora molto anche per Mediaset, La7, Sky e Discovery: su Raiuno ha 70 ore di trasmissione, il 44 per cento del totale affidato fuori 27% NEL SETTORE della fiction a dominare è la Lux Vide di Matilde Bernabei con il 27 per cento pari a 76 ore su Raiuno. Rai Fiction ha un budget importante di 200 milioni di euro a l l ' anno