scarica l'app
MENU
Chiudi
03/06/2020

Appalti in Vaticano, il Papa taglia le clientele

Corriere della Sera

Il nuovo codice
Basta con gli appalti ai protetti del monsignore, parenti o amici degli amici. Finisce un'epoca, in Vaticano, con il nuovo codice per gli appalti e i contratti divenuto esecutivo con un motu proprio di Papa Francesco. La nuova legge «Sulla trasparenza, controllo e concorrenza nelle procedure di aggiudicazione dei contratti pubblici», in 86 articoli, recepisce «le migliori regole e pratiche internazionali», dice il presidente del Tribunale vaticano, Giuseppe Pignatone. Niente più assegnazioni autonome dei dicasteri. Il Papa lo scrive in modo netto: si tratta di risparmiare e «ridurre in modo notevole il pericolo di corruzione di quanti sono chiamati alla responsabilità di governo e di gestione degli enti della Santa Sede e della Città del Vaticano». Ci sarà un «Albo degli operatori economici» per «garantire parità di trattamento e possibilità di parteci-pazione». Sono inserite misure contro conflitto di interesse e accordi illeciti. ( ggv )

© RIPRODUZIONE RISERVATA