MENU
Chiudi
09/08/2018

Appalti, il Tar boccia i super compensi ai commissari

Il Mattino

LA SENTENZA
«Grande vittoria dei Comuni contro la sprecopoli del nuovo codice degli appalti pubblici». Così Asmel, l'Associazione che raggruppa oltre 2400 Comuni in tutt'Italia, annuncia - in una nota diffusa a Napoli - che il Tar del Lazio «ha accolto il ricorso contro il decreto del ministero delle Infrastrutture (entrato in vigore il 16 aprile) sui compensi ai commissari di gara e ha sospeso la parte contestata che ne fissava in 3.000 euro il valore minimo. Valore chiaramente esorbitante» secondo Asmel, perché «determinava oneri di gara aggiuntivi per almeno 11.000 euro (tre commissari più trasferte), con spreco di denaro pubblico e rischio del blocco, di fatto, delle gare nella fascia tra 40 e 500mila euro, praticamente il 75% di quelle pubblicate dai Comuni. Una battaglia che era partita a maggio da Napoli con il ricorso di Asmel (l'associazione nazionale nata dallo storico consorzio napoletano Asmez). «Quel che più ci sorprende di questa nostra ennesima battaglia contro gli sprechi pubblici - spiega Francesco Pinto, segretario generale Asmel - è che il decreto era stato approvato nel silenzio assordante di Anci».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore