MENU
Chiudi
25/09/2018

Appalti, gli imputati vogliono l’interrogatorio

QN - Il Resto del Carlino

di SILVIA SARACINO - FINALE EMILIA- PRIMO 'round', ieri in tribunale a Modena, per il procedimento penale sull'indagine 'appaltopoli' che vede imputate 14 persone a Finale Emilia tra ex amministratori pubblici - in primis l'ex sindaco Fernando Ferioli - e i responsabili di associazioni di volontariato e della bocciofila di Massa Finalese. Ieri si è tenuta la prima delle udienze preliminari che proseguiranno lunedì prossimo e il 17 dicembre. Per tutti l'accusa è di abuso d'ufficio o concorso in abuso d'ufficio, Ferioli e il suo ex assessore Angelo d'Aiello sono accusati anche di turbata libertà degli incanti e falso ideologico e materiale e l'accusa di falso 'pende' anche sull'ex assessore Fabrizio Reggiani che aveva la delega al Bilancio. Sono imputati anche tre dipendenti pubblici sempre del mandato Ferioli - Natalia Magaldi, Monica Mantovani e il responsabile dei Lavori pubblici Giulio Gerrini, già condannato per abuso d'ufficio nel processo Aemilia. È entrato nel procedimento anche il predecessore di Ferioli, Raimondo Soragni, a cui viene contestata la regolarità di un'ordinanza che firmò da sindaco per il trasporto di macerie dagli ex zuccherifici di Bondeno e Finale Emilia al campo di addestramento cani. L'amministrazione Ferioli è invece sotto accusa perchè avrebbe assegnato per anni servizi pubblici - come la gestione della bocciofila di Massa Finalese, la manutenzione del parco del quartiere ovest e la gestione del campo addestramento cani - senza gara d'appalto e per questo anche i rappresentanti delle associazioni sono imputati per concorso in abuso d'ufficio. Ieri in tribunale si sono definite le posizioni: gli avvocati della ex segretaria comunale, Natalia Magaldi, hanno chiesto il patteggiamento, i legali dei tre responsabili dell'associazione Parco Ovest hanno chiesto il rito abbreviato e diversi imputati - tra cui Ferioli, Gerrini e d'Aiello - hanno chiesto di essere interrogati dal giudice lunedì prossimo. «Siamo impegnati a dimostrare l'assoluta estraneità ai fatti» ha dichiarato l'avvocato Giorgio Pighi che difende Ferioli e d'Aiello.

Sono ex amministratori pubblici e i responsabili di associazioni di volontariato e della bocciofila di Massa Finalese. Si sospettano appalti illeciti.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore