scarica l'app
MENU
Chiudi
11/12/2018

Appalti, dal ministero fondo di 250 mila euro

Il Giornale di Vicenza

PROVINCIA. Da aprile attivo l'elenco unico degli operatori economici
Rafforzato il servizio della stazione unica appaltante
Un finanziamento di oltre 250 mila euro. È quello riconosciuto alla Provincia da parte del ministero dell'economia e delle finanze per l'attività svolta da palazzo Nievo come stazione unica appaltante-Sua. Una somma che permetterà di rafforzare ulteriormente il servizio messo a disposizione dei Comuni per la gestione delle gare e degli appalti. Ad oggi la Sua ha ricevuto 150 richieste di istruttoria di gare da parte dei Comuni e degli enti aderenti per un importo complessivo di 81 milioni di euro.Un ulteriore passo avanti è stato fatto anche con l'istituzione dell'elenco unico degli operatori economici, un servizio per Comuni ed operatori economici, gratuito per le amministrazioni aderenti e informatizzato, basato sul principio della rotazione. L'elenco è stato istituito ad aprile da Provincia e Comune di Vicenza all'interno della stazione unica appaltante. «È possibile iscriversi, solo on line, in qualsiasi momento - sottolinea il segretario e direttore generale della Provincia Angelo Macchia -. Da questo elenco la Sua attinge per lo svolgimento delle procedure negoziate per appalti pubblici di lavori e servizi di architettura ed ingegneria sia della Provincia che dei 48 fra Comuni ed enti convenzionati che». Sempre in ambito si Sua, con la Città Metropolitana di Napoli è stato firmato l'accordo per il riuso della piattaforma telematica. «Una sinergia importante - riferisce il presidente della Provincia Francesco Rucco - che ha portato ad un protocollo d'intesa per la costituzione a titolo gratuito non esclusivo del diritto d'uso del programma del portale gare telematiche, come previsto dalla legge». «Tutto ciò - conclude Rucco - conferma il ruolo primario delle Province nella gestione degli appalti e per questo riteniamo necessario che i nostri Comuni si facciano partner convenzionandosi». © RIPRODUZIONE RISERVATA