scarica l'app
MENU
Chiudi
12/06/2020

«Appalti Avr avanti in Toscana» Ma sull’azienda è bufera politica

Corriere Fiorentino

Palazzo Vecchio: alla guida manager scelti dai giudici. Il centrodestra va all'attacco All'attacco Fratelli d'Italia: «Intollerabile, non vogliamo ditte come queste» La Sinistra: «Chiediamo garanzie per i lavori tra Montelupo e Ginestra»
Vanno avanti, tra le polemiche, tutti gli appalti di Avr in Toscana. L'azienda che gestisce il Global Service a Firenze e vari servizi nel resto della regione, ha fornito le sue spiegazioni dopo le notizie sull'inchiesta della procura di Reggio Calabria per infiltrazioni della 'ndragheta, che vede indagati l'Ad e due dipendenti. L'azienda, sottoposta ad amministrazione giudiziaria, comunque andrà avanti. «Il Cda in carica alla data della misura continuerà a gestire e amministrare la società, affiancato dal collegio degli amministratori giudiziari» spiegano i dirigenti di Palazzo Vecchio dopo aver letto la relazione di Avr, controfirmata proprio dal collegio voluto dai giudici. Non ci sono motivi giuridici per alcun intervento diverso: l'appalto di Global service a Firenze andrà avanti, come quello della Fi-Pi-Li, Ma la bufera giudiziaria si trasforma in bufera politica. La Lega ha chiesto di rescindere l'appalto di Palazzo Vecchio. A Piombino, dove Avr lavora nel settore rifiuti, il coordinatore di Fratelli d'Italia Andrea Romiti, ritiene che sia «intollerabile che Avr, società di servizi di Aamps, sia al centro di una grave indagine per 'ndrangheta; nella nostra città non vogliamo che ci siano queste aziende» e chiede siano tutelati i lavoratori. Il tema dei diritti dei lavoratori era già stato sollevato dalla sinistra di opposizione a Pisa. Perché Avr, fa notare il consigliere regionale di Sì Toscana a sinistra Tommaso Fattori «risulta assai impegnata in Toscana: rifiuti a Lucca, sanificazione stradale a Pisa, lavori per il ponte di Marcignana a Empoli, gestione dei lavori e dei servizi sulla Fi-Pi-Li» e chiede alla Regione garanzie per i lavori «della Fi-Pi-Li tra gli svincoli di Montelupo e Ginestra Fiorentina» visti i tanti disagi agli automobilisti per i ritardi». Tutto dovrebbe andare avanti con Avr, perché «il procedimento (giudiziario ndr ) non si configura quale causa di risoluzione dei contratti in corso» scrive Palazzo Vecchio, dopo che il sindaco aveva affermato che ogni decisione sarebbe stata presa in base «alla legge, nel rispetto della legalità e nel rispetto delle necessità dei cittadini». Il contratto fu vinto, a Firenze, con un'offerta tecnica «eccellente», più che con i ribassi. Anche se le polemiche sull'efficacia della manutenzione delle strade di Avr vanno avanti da tempo. Ieri, in prefettura, vertice voluto dalla prefetta Laura Lega con il prefetto di Pisa Giuseppe Castaldo, i procuratori della Repubblica di Firenze Giuseppe Creazzo e di Pisa Alessandro Crini e i vertici provinciali delle forze dell'ordine con un focus sulle infiltrazioni mafiose. Si punta, per la prevenzione, ad un coinvolgimento anche di «sindacati, associazioni di categoria e ordini professionali». Marzio Fatucchi

Foto: In Toscana


Foto: ● Avr a Firenze ha vinto l'appalto unico per la manutenzione stradale


Foto: ● A Piombino ha vinto l'appalto nel settore dei rifiuti


Foto: ● A Pisa invece si occupa della sanificazione delle strade