scarica l'app
MENU
Chiudi
29/05/2020

Appalti, approvato il «patto d’integrità»

Il Mattino

IL REGOLAMENTO DEFINITO SU INIZIATIVA DEL SEGRETARIO FESTA L'ASSESSORE FERRARO: «SERVIRÀ AD EVITARE I RICORSI POST GARA»
MERCOGLIANO
Riccardo Cannavale
Un patto d'integrità che obbliga stazione appaltante ed operatore economico ad improntare i propri comportamenti ai principi di lealtà, trasparenza e correttezza. La giunta comunale ha dato il via libera allo strumento che, in fase di gara d'appalto, fissa i principi di comportamento finalizzati a prevenire fenomeni corruttivi ma anche a valorizzare tutti quei comportamenti eticamente adeguati.
Il nuovo strumento che da ieri rende più trasparenti e - è l'auspicio - anche più lineari e meno a rischio ricorsi le gare d'appalto bandite ed espletate dall'ente di piazza Municipio è stato licenziato su impulso della segretario comunale, Gemma Festa, responsabile dell'anticorruzione del Comune di Mercogliano. Con l'adozione del patto d'integrità, l'amministrazione guidata dal sindaco Vittorio D'Alessio ha inteso lanciare un messaggio netto sia ai cittadini che agli operatori economici ma anche agli stessi dipendenti comunali: trasparenza e legalità sono i capisaldi su cui si fonda l'azione amministrativa.
«Il patto spiega l'assessore ai Finanziamenti Europei, Pasquale Ferraro, che ha sostenuto il percorso amministrativo che ha condotto all'approvazione del documento, insieme al consigliere con delega alla legalità, Berardino Iovine è la testimonianza di ciò che sta veramente a cuore all'amministrazione D'Alessio. Intorno alle gare d'appalto possono accadere cose strane. Ecco, noi vogliamo garantire massima trasparenza e legalità, abbiamo voluto aggiungere un ulteriore filtro a ciò che già prevede la legge in materia di appalti».
Il patto d'integrità è una delle novità contenuta nel Piano anticorruzione predisposto dalla segretaria comunale. «Riteniamo di aver dato un segnale netto e chiaro a chi, eventualmente, volesse approcciarsi alle gare bandite dal comune di Mercogliano con approcci speculativi: sappia che non è gradito. Ma si tratta anche di uno strumento che mette di fronte alle proprie responsabilità la stazione appaltante e, dunque, il personale comunale».
Tra le gare d'appalto che, a breve, saranno bandite dal Comune, ci sono quelle già finanziate per circa due milioni di euro relative alla messa in sicurezza dei valloni, quella per il ripristino del costone franato sul Partenio, dei lavori per il secondo lotto del campo sportivo, per il recupero di Casa Pagano nel centro storico. «Il patto d'integrità, oltre ad essere uno strumento di tutela sul fronte della legalità, speriamo intervenga anche ad evitare i ricorsi che, puntualmente, vengono presentati ad ogni gara d'appalto. Sono certo conclude l'assessore Ferraro che raggiungeremo anche questo obiettivo, con la conseguenza di una riduzione dei tempi per la realizzazione delle opere pubbliche».
© RIPRODUZIONE RISERVATA