scarica l'app
MENU
Chiudi
04/04/2020

Appalti accelerati dal virus

ItaliaOggi - ANDREA MASCOLINI

Uno dei punti più rilevanti di una comunicazione della Commissione Ue in Guce
Affi damenti con procedure negoziate in termini ridotti
L'emergenza Covid-19 è causa di estrema urgenza che giustifica l'affidamento con procedure negoziate in termini ridottissimi. È questo uno dei punti di maggiore rilievo della comunicazione della Commissione europea dal titolo «orientamenti della Commissione europea sull'utilizzo del quadro in materia di appalti pubblici nella situazione di emergenza connessa alla crisi della Covid-19» (2020/C 108 I/01) pubblicata sulla Guce del 1° aprile 2020 che si indirizza in particolare, ma non solo, alle stazioni appaltanti degli Stati membri che si trovano in prima linea per quanto riguarda la maggior parte di questi beni e servizi necessari ad affrontare l'emergenza sanitaria in corso, ma anche infrastrutture ospedaliere e informatiche. Le indicazioni di carattere generale fornite dalla Commissione, in particolare gli appalti in casi di estrema urgenza, che consentono alle amministrazioni di effettuare acquisti anche nel giro di giorni o addirittura di ore, se necessario, attengono alla opportunità di considerare diverse alternative: in primo luogo la riduzione considerevole dei termini per accelerare le procedure aperte o ristrette. In secondo luogo, «se tali margini di manovra non fossero suffi cienti» le stazioni appaltanti - dice la comunicazione - possono ricorrere a una procedura negoziata senza previa pubblicazione. Ida ultimo la Commissione sottolinea che «potrebbe anche essere consentita l'aggiudicazione diretta a un operatore economico preselezionato, purché quest'ultimo sia l'unico in grado di consegnare le forniture necessarie nel rispetto dei vincoli tecnici e temporali imposti dall'estrema urgenza». In ogni caso, gli acquirenti pubblici dovrebbero prendere in considerazione la ricerca di soluzioni alternative e interagire con il mercato. Tornando alle procedure con minore evidenza pubblica, al fi ne di accelerare gli appalti, le amministrazioni possono anche prevedere di: contattare i potenziali contraenti, nell'Ue e al di fuori dell'Ue, telefonicamente, via e-mail o di persona; incaricare agenti che abbiano contatti migliori sui mercati; inviare rappresentanti direttamente nei paesi che dispongono delle necessarie scorte e possono provvedere a una consegna immediata; contattare potenziali fornitori per concordare un incremento della produzione. Nel merito la Commissione indirizza le stazioni appaltanti all'utilizzo di termini ridotti anche della meta (ad esempio da 30 a 15 per le procedure ristrette), ma soprattutto a utilizzare la procedura negoziata senza pubblicazione del bando per ragione di estrema urgenza dettata da eventi imprevedibili. Infatti, dice la Commissione europea, il numero di pazienti Covid-19 che hanno bisogno di cure mediche cresce quotidianamente e un ulteriore aumento è atteso nella maggior parte degli Stati membri fi no a quando non sarà stato raggiunto il picco; «ali eventi e, in particolare, i relativi sviluppi specifici devono essere considerati imprevedibili per qualunque amministrazione aggiudicatrice». Le esigenze specifi che degli ospedali e di altre istituzioni sanitarie non potevano certamente essere previste e pianificate in anticipo e dunque costituiscono un evento imprevedibile per le amministrazioni aggiudicatrici. Detto ciò la necessità dell'appalto deve essere soddisfatta nel più breve tempo possibile. © Riproduzione riservata