MENU
Chiudi
04/09/2018

Ancora congelate le assunzioni per 4 operatori socio sanitari

La Gazzetta Del Mezzogiorno

POLEMICHE DOPO IL CONCORSO RICORSI IN ATTO, IL PERSONALE È VINCITORE DELLA PROVA. IL CASO DISCUSSO IN REGIONE
l Dall'assistenza psichiatrica all'assistenza ai malati di Sla, passando per le assunzioni degli Oss (operatori sociosanitari) e l'assistenza affettiva e sessuale per le persone con disabilità. Questi i temi "sanitari" proposti dal consigliere regionale Cosimo Borraccino (Sinistra Italiana/Liberi E Uguali). In tema di assistenza psichiatrica, più in particolare, il consigliere Borraccino segnala al presidente della Regione Emiliano il regime in cui, dal primo luglio scorso, stanno operando nell'Asl jonica gli operatori delle strutture di riabilitazione, senza formale proroga amministrativa e senza che sia stata indetta una nuova gara d'appalto. «Tale fattispecie, secondo le organizzazioni sindacali - dice Borraccino -, sembrerebbe integrare una violazione del Dlgs 50/2016 (Codice degli appalti) per la quale si è richiesto un accertamento delle responsabilità da parte dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, in quanto l'in dizione della nuova gara sarebbe dovuta già avvenire prima della proroga dell'Appalto». Di natura occupazionale anche l'altra questione sottoposta al presidente Emiliano in merito al congelamento delle assunzioni di quattro figure di Oss ordinate, peraltro, dal Tar di Lecce». «Alcuni giorni fa, infatti, il Tar aveva ordinato l'inserimento in graduatoria di 15 partecipanti esclusi dal concorso - racconta Borraccino -, alcuni dei quali ammessi a partecipare con riserva alla prova pratica». «Al momento però solo una decina dei 15 ricorsisti risultano in servizio a tempo determinato (prorogati fino alla definizione del ricorso). I 4 ricorsisti non ancora assunti hanno comunque vinto il concorso e la loro partecipazione è ormai retroattivamente convalidata». «Più opportuna sarebbe stata - secondo il consigliere regionale Borraccino - l'assunzione a tempo indeterminato con l'inseri mento di una apposita clausola rescissoria in caso di esito negativo dello stesso ricorso». Ed ancora, dopo la denuncia di una malata di Sla a Taranto, chiarimenti sono stati chiesti all'assessore al Welfare Ruggieri circa circa il futuro dell'assi stenza dei malati di Sla e affini (terzi livelli) a Taranto (l'assi stenza mattutina dovrebbe essere garantita dalla Asl e quella pomeridiana dal Comune). Infrangendo, infine, qualche tabù riproposto dagli attacchi di qualche organizzazione locale, Borraccino ricorda che è all'or dine del giorno del Consiglio regionale previsto per quest'og gi, la discussione su una mozione presentata a marzo e finalizzata a riconoscere la possibilità a soggetti disabili o affetti da gravi patologie invalidanti di vivere pienamente il diritto alla sessualità e al benessere sessuale.

Foto: REGIONE Il presidente Emiliano

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore