scarica l'app
MENU
Chiudi
12/05/2020

Anche in questa, come in ogni guerra, ci sono i so…

Il Gazzettino

Anche in questa, come in ogni guerra, ci sono i sommersi e i salvati. I salvati sono i 18 milioni di lavoratori dipendenti. I sommersi sono i 5 milioni di autonomi ufficiali, ai quali si aggiungono gli oltre tre milioni di lavoratori in nero. Dai sondaggi le differenze tra i sommersi e i salvati emergono in modo drammatico. I salvati sono quasi indifferenti alla fretta sulle riaperture, non si sentono al sicuro dal contagio, lasciano che il governo decida con calma. I sommersi sono sommersi molto più di quanto i salvati non immaginino. Se hanno paura, sono costretti a darsi coraggio. Potessimo idealmente riprenderli da un drone, vedremmo un serpentone interminabile di gente spesso disperata. Gente dal tenore di vita compromesso per chissà quanto tempo. Sommersi che trascineranno nel loro girone infernale anche tanti salvati, perché se un imprenditore di qualunque livello muore, muoiono con lui anche i suoi dipendenti. Visto che la cassa integrazione perpetua non può esistere.
Si aggiunga che la rottura degli argini sugli aiuti di Stato nell'intera Unione europea aiuterà i paesi più ricchi. Non a caso ad Alitalia andranno tre miliardi, ad Air France sette e a Lufthansa dieci. La Germania sta aiutando le sue imprese con una quantità di denaro per noi inimmaginabile. Quando ricomincerà la corsa, esse avranno molto più carburante delle nostre.
Ecco perché è doloroso assistere alla trasposizione politica di alcuni capitoli del Deserto dei Tartari' di Dino Buzzati: un lungo logoramento in attesa di qualcosa che arriverà molto, molto tardi. Abbiamo dalle elezioni del 2018 maggioranze totalmente disomogenee. E perciò in nessun paese occorrono settimane per partorire un decreto salvezza, che quando uscirà richiederà non pochi altri giorni per essere compreso e interpretato.
Parlare di giochi di Palazzo intorno al governo Conte è perciò offensivo. Il Paese è in terapia intensiva e la sua sopravvivenza economica e sociale è per buona parte legata ai provvedimenti delle prossime settimane. Si avrà il coraggio di sospendere il codice degli appalti? Di moltiplicare i controlli post operam invece di frenarne la realizzazione? Di mitigare l'egoismo di molte banche? Si avrà il coraggio di risvegliare l'economica con uno shock fiscale? Non sarà la politica a decidere le sorti del governo Conte. Sarà la quantità dei sommersi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA