scarica l'app
MENU
Chiudi
06/08/2020

Amiu, scontro assessore-presidente è l’ora dei chiarimenti

La Gazzetta Del Mezzogiorno

POLEMICHE SULLE ASSUNZIONI ATTESE
Petruzzelli: ho solo constatato un ritardo
NINNI PERCHIAZZI l Concorso da dirigente all'Amiu e assunzioni degli operatori ecologici ancora là da venire, è l'ora dei chiarimenti. Anche sul presunto scontro interno alla maggioranza. Tutto nasce dalle dichiarazioni dell'assessore all'Ambiente Pietro Petruzzelli , che in un post su Facebook , prima contesta la mancata estensione al «porta a porta» in altri quartieri della città causa impossibilità ad effettuare assunzioni prima del 2021, poi ironizza sul recente bando che porterà alla contrattualizzazione a tempo indeterminato di un dirigente da 100mila euro all'anno deputato a tenere i rapporti con i soci e le relazioni Istituzionali. Al bando si sono presentati quattro concorrenti, uno dei quali poi ritiratosi è il compagno dell'assessore Romano. «Non pensavo di scatenare questo putiferio ma è tutto un malinteso. Paola Romano non c'entra niente in tutta questa vicenda al pari del suo compagno, che non sapevo avesse partecipato al bando. Per cui, non c'è alcun caso politico», dice Petruzzelli, stigmatizzando la ridda di polemiche e illazioni suscitate dalle sue parole. I suoi strali quindi avevano come bersaglio il presidente dell'azienda ex municipalizzata Sabino Persichella . Il rapporto tra i due infatti, sembra sia basato su labili equilibri. «Nulla contro il presidente, che ha fatto tante cose buone. La mia è una semplice constatazione. Volevo solo far emergere che in questo momento fare il bando per un dirigente stona se rapportato al ritardo nell'assunzione del personale. Anche perché è una storia che va avanti da tempo». FRONTE AMIU - Persichel la prova a mettere i puntini sulle i, scindendo le due questioni sorte. «Partiamo da un presupposto: non si tratta di una questione economica. Una cosa è l'assunzione di un dirigente mirata al completamento del management altro è effettuare il bando per dare lavoro a 2-300 operatori al quale si presenteranno in 5-6mila», attacca. «A febbraio scorso abbiamo pubblicato un bando per la selezione di una società esterna che svolgesse l'iter mirato all'assunzione degli operatori da utilizzare per il porta a porta e lo spazzamento. Complice il lockdown, tutto quanto è slittato a qualche giorno fa, con la nomina della commissione per la scelta della suddetta società, che poi espleterà tutto il procedimento di test e selezioni», sostiene. «Tutto l'iter ci porterà quindi ad avere le prime assunzioni per l'inizio del 2021. Ad esempio ho bisogno di 41 operatori per il San Paolo, potrei assumerli anche ora ma non sarebbe un'operazione corretta. Aspetteremo quindi il lavoro della società selezionatrice che porterà alla costituzione di un paniere di circa 250 persone da cui attingeremo volta per volta in base alle esigenze». Capitolo assunzione dirigenziale. «Nel 2018 abbiamo chiesto ad una società del settore di svolgere un'analisi della situazione aziendale al fine di effettuare eventuali mosse per il miglioramento del livello organizzativo», spiega ancora Persichella. «Lo studio ha suggerito una rivisitazione del management con l'inserimento di una figura da dedicare al marketing, allo sviluppo del benchmark e alle relazioni con il consiglio. Da qui il bando per l'inserimento nell'organico di questa figura: su quattro domande giunte, un candidato è risultato non idoneo, l'altro si è ritirato prima di effettuare i test. Altro non ho da dire», conclude. PALAZZO DI CITTÀ La sede