scarica l'app
MENU
Chiudi
10/12/2019

Amiu e Idealservice gestirannno i rifiuti: 13 milioni per due anni golfo paradiso

Il Secolo XIX - Edoardo Meoli

Edoardo Meoli / ReccoÈ stato assegnato il mega appalto per il ciclo dei rifiuti nel golfo Paradiso. La prima gara d'appalto comprensoriale è stata aggiudicata dalla Città Metropolitana al consorzio di imprese formato dalla genovese Amiu e dalla friulana Idealservice, che sono di fatto le aziende che - storicamente per Amiu e da una decina d'anni per Idealservice - si occupano del ciclo dei rifiuti in provincia di Genova. L'importo complessivo è di 13 milioni per due anni, 2020 e 2021 (la base d'asta era di 13.9 milioni in due anni). Il servizio prevede l'attuazione di un piano rifiuti, non solo smaltimento ma anche differenziazione e riciclo, per sei dei sette Comuni del comprensorio: Recco, Uscio, Avegno, Pieve, Sori e Bogliasco. Resta fuori Camogli che ha un appalto in scadenza nel 2022, quando sulla carta dovrebbe entrare in vigore la direttiva europea che prevede un appalto unificato a livello regionale. Per quanto riguarda le modalità con le quali i due colossi del settore dovranno svolgere le attività, in termini molto pratici si può dire che Amiu si occuperà di due Comuni, Uscio e Recco, e Idealservice dei restanti quattro. Ovviamente, essendo compartecipi nel servizio, le due società collaboreranno a livello logistico (centri ecologici e aree di stoccaggio) e di servizio. A conferma che l'appalto del Golfo Paradiso faceva gola, sono i nomi delle tre proposte perdenti: Supereco Srl di Moconesi, ma soprattutto il consorzio di imprese tra Aprica Spa e coop "Il Solco" di Brescia, e quello tra Energetica Ambiente Srl e Pianeta Ambiente Coop di Bologna. A questo punto non resta che sperare che l'appalto possa davvero partire al 1° gennaio: «Si va avanti con deroghe da un paio d'anni e dunque che l'appalto sia stato assegnato è una buona notizia - dice Edvige Fanin, vice sindaco con delega all'ambiente - so che Città Metropolitana, sta chiudendo le ultime norme contrattuali. In ogni caso non c'è alcun pericolo di interruzione del servizio».E nel caso di Recco si tratta di Idealservice, che non dunque non farebbe altro che derogare a se stessa. Anche per il sindaco, Carlo Gandolfo, la conferma dell'assegnazione è un fatto atteso e importante: «Si pone fine a una fase d'attesa fin troppo lunga. Questo appalto è importante perché prevede molte attività nel campo della differenziazione e del riciclo. È un appalto in linea con quella politica "green" che stiamo perseguendo». Per quanto riguarda i dipendenti, non dovrebbero esserci problemi per chi ora lavora a Recco e nel Golfo Paradiso. --