scarica l'app
MENU
Chiudi
01/02/2020

Altra tegola su Atac «Servizi di pulizia in odore di mafia»

Il Tempo - FERNANDO MAGLIARO

Denuncia del Prefetto
a pagina 16 ••• «Ho in corso un'istruttoria per commissariare, a seguito di un'interdittiva antimafia emessa da noi pochi giorni fa, il contratto della commessa per i servizi di pulizia dell'Atac». Lo ha detto il prefetto di Roma, Gerarda Pantalone, nel corso dell'audizione in Commissione bicamerale sulla Criminalità organizzata. C'è anche l'interdittiva antimafia a colpire Atac. O, almeno, gare d'appalto di Atac. Non bastava il concordato preventivo, le stazioni metro chiuse per incapacità di programmare le manutenzioni, le scale mobili ferme a mazzi, le "rimodulazioni" (un bizantinismo per dire cancellazione di treni) del servizio sulla Roma-Lido e Roma-Viterbo e il crollo costante del servizio di trasporto di superficie reso all'utenza anche con tutti i bus nuovi in servizio, ora ci si mette anche il prefetto Pantalone. Certo, Atac non è fortunata con le gare d'appalto: impossibile dimenticare quella per la manutenzione delle scale mobili che l'Azienda di via Prenestina aggiudicò facendo vincere chi offriva un ribasso del 49,73% sulla base d'asta. Per poi ritrovarsi le fascette metalliche usate per riparare le scale. Ora quest'altra tegola. Con l'Azienda che si affretta a diramare una nota pochi minuti dopo le dichiarazioni del Prefetto. Scrive Atac: «In relazione a notizie di stampa (più che altro rese in Commissione Antimafia) che riportano di un provvedimento di commissariamento che la Prefettura ha intenzione di attivare su un contratto di pulizia fra Atac e un fornitore, l'azienda precisa che la problematica riguarda il fornitore e non Atac. È stata la stessa Atac a richiedere alla Prefettura di procedere al commissariamento, stante il carattere di pubblica utilità del contratto». Un po' come quando Atac, dopo inchieste e sequestri, incidenti e feriti sulle scale mobili, riuscì in un gargantuesco sforzo a revocare l'appalto per la manutenzione delle scale. Atac a parte, però, il prefetto Pantalone snocciola una serie di dati sulla sicurezza reale e percepita a Roma: «Ci sono 3.500 ospiti dei campi rom, e una gran pletora sommersa di migliaia stranieri transitanti e irregolari che confluiscono autonomamente negli stabili occupati o in insediamenti abusivi, con conseguenti problematiche sul piano dell'ordine pubblico, della percezione della sicurezza e della tolleranza della popolazione residente». Poi il problema dei cosiddetti "fortini" della droga: «Tor Bella Monaca è fra le principali piazze di spaccio in Italia; infrastrutture e i servizi sono abbastanza carenti e le forze di polizia vengano accerchiate senza poter svolgere la loro attività». Infine, un paio di successi:«Nel2019le solemisure di prevenzione ci hanno condotto a strappare alla criminalità organizzata 1 miliardo di euro» con la confisca di 1240 cespiti immobiliari.

Foto: Prefetto di Roma Gerarda Pantalone ieri è stata ascoltata dalla Commissione bicamerale antimafia