scarica l'app
MENU
Chiudi
22/11/2019

Alloggi popolari, 90 in dirittura d’arrivo

Il Mattino

LA COMMISSIONE
Novanta alloggi in dirittura d'arrivo per tamponare l'emergenza abitativa in città.
La settima commissione, presieduta da Antonio Cosmo («Ora Avellino») chiama gli assessori alle Politiche abitative, Marianna Mazza, ed ai Lavori pubblici, Antonio Genovese, e chiede una relazione tecnica dettagliata che scandisca tempi e modi per la consegna delle chiavi agli assegnatari. L'esecutivo da per imminente l'assegnazione dei 24 alloggi ormai pronti a via Tedesco a ritardare l'iter un problema con gli allacci dell'Enel e si impegna a consegnare entro l'inizio dell'anno nuovo gli altri 70 appartamenti, dislocati tra via Luigi Imbimbo, via De Napoli e via De Venuta. È l'assessore Genovese a sottolineare la volontà dell'amministrazione Festa di «lasciarsi alle spalle la pagina indecorosa dei prefabbricati post terremoto in città». «Doveva essere una soluzione temporanea ed emergenziale ricorda ma è diventata definitiva». Allora il delegato ai Lavori pubblici fa il punto: «Parliamo di case che l'ex commissario, Giuseppe Priolo, aveva già pre-assegnato. Per chiudere il capitolo manca pochissimo. In gran parte della città gli interventi di sostituzione edilizia sono stati realizzati. È il caso di via Tedesco dove siamo convinti di poter riuscire ad assegnare i nuovi appartamenti prima di Natale». L'assessore sottolinea però anche le difficoltà connesse alla «necessità di delocalizzare provvisoriamente gli inquilini per poi procedere alle demolizioni previste».
Tempi leggermente più lunghi, come detto, per archiviare la scandalosa storia di degrado dei prefabbricati di Valle, dove tra l'altro regna l'abusivismo, e consegnare gli alloggi di via Luigi Imbimbo e via De Venuta. «Il bando di gara per la sistemazione esterna degli edifici è stato pubblicato. Non resta - chiosa Genovese - che aspettare i tempi tecnici. Entro la primavera dobbiamo chiudere». Intanto, la commissione ha anche chiesto lumi sull'evoluzione dei lavori di eliminazione degli ultimi tetti in amianto di Contrada Quattrograna est, oggi via Giulio Acciani. L'impresa del subappalto che sta effettuando le lavorazioni, a detta di diversi inquilini, procederebbe a singhiozzo. I residenti continuano a lamentare, inoltre, problemi legati alle infiltrazioni d'acqua ed alla fatiscenza dei prefabbricati. Per di più, la scorsa settimana, una violenta raffica di vento ha travolto un'impalcatura. Ma a detta degli assessori l'intervento per la bonifica delle coperture sarebbe in via di ultimazione.
Antonio Cosmo, presidente della commissione Politiche abitative, rilancia: «Abbiamo chiesto una relazione tecnica per avere certezze sui lavori e sulla tempistica. Ci sono 90 appartamenti in via di consegna e sappiamo bene che anche un semplice allaccio può determinare lo slittamento dei tempi. Non deve capitare». Cosmo sottolinea la portata della questione: «L'emergenza abitativa della città di Avellino è sotto agli occhi di tutti. Ci sono abitazioni fatiscenti che necessitano di interventi urgenti e d è arrivata l'ora di dare case agli avellinesi case degne di questo nome».
m. s.
© RIPRODUZIONE RISERVATA