scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/02/2021

Alleanza per i rifiuti tra cinque Comuni

La Prealpina

Appalto in scadenza, affare da 4 milioni
ARCISATE - I Comuni di Arcisate, Induno Olona, Bisuschio e Porto Ceresio stanno procedendo con la gara d ' appalto per i servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti. E quest ' anno entrerà a far parte della cordata anche Besano. Il servizio di smaltimento scade a maggio, mentre la raccolta e gli altri servizi hanno termine alla fine di febbraio. «Attualmente per lo smaltimento si fa riferimento alla ditta Bea e Montello smaltimenti, mentre ad Acsm Agam ambiente per la raccolta», spiega l ' assessore Arianna Miotti del Comune di Arcisate che è capofila della convenzione per entrambi i servizi. «Adesso - continua - ha dato la sua adesione anche Besano, mentre Porto Ceresio ha riconfermato la partecipazione nonostante il Comune sia tuttora commissariato». La gara d ' appalto sarà predisposta dalla Sua, Stazione Unica Appaltante, della Provincia di Varese. «Si tratta dell ' appalto più grosso in capo al Comune di Arcisate - aggiunge Miotti che riguarda, complessivamente, un bacino d ' utenza di 30.400 abitanti e ammonta a due milioni e 700.000 euro per lo smaltimento e un milione e 440.000 per la raccolta e servizi annessi». Con la gara associata, l ' appalto diviene più appetibile per le società che vi partecipano e, d ' altro canto, sensibili vantaggi ricadono anche sui Comuni convenzionati, quindi sui cittadini. Questa convinzione ha indotto pure il sindaco di Besano, Leslie Mulas, a entrare nel gruppo valceresino: «L ' appalto della differenziata di Besano era partito nel 2016 e scade quest ' anno - afferma - EcoNord s ' era aggiudicata la gara, condotta da sola dalla precedente amministrazione. I costi fissi, quindi, erano, e sono tuttora, particolarmente alti e si riversano sulla Tari. Anche i servizi si sono dimostrati poco ottimizzati, mentre Arcisate, Induno, Bisuschio e Porto Ceresio già nel 2016 avevano fatto la gara insieme ed è chiaro che con una popolazione di circa 30.000 abitanti si riesce a ottenere prezzi migliori e un appalto più vantaggioso». Le spese per i Comuni si riducono, perché i costi fissi vengono spalmati su una popolazione più ampia. «I costi fissi rappresentano i costi stessi della struttura - aggiunge il primo cittadino besanese -, ovvero l ' ammortamento dei mezzi e il personale. Ci sono poi anche i costi relativi all ' atto burocratico della gara, ovvero il professionista che deve seguire l ' attività, e il pagamento che va alla Provincia quale stazione appaltante. Anche questi vengono ripartiti tra i Comuni associati». I besanesi, fino a questo momento, pagavano una Tari molto alta. «Da quando siamo stati eletti noi, abbiamo voluto puntare molto sulla differenziata conclude Mulas -, tanto che dal 56% il nostro Comune è arrivato a una percentuale del 72%. Questo ha portato già a una leggerissima diminuzione delle bollette; adesso, entrando in cordata con gli altri Comuni della vallata, i vantaggi saranno sicuramente maggiori». Sabrina Narezzi © RIPRODUZIONE RISERVATA Con la gestione unica risparmiano anche i cittadini Il Comune di Arcisate è capofila della gara d ' appalto