scarica l'app
MENU
Chiudi
19/01/2019

ALGHERORegole chiare, uguali per tutti, con un for…

La Nuova Sardegna

ALGHERORegole chiare, uguali per tutti, con un forte impulso alla sostenibilità energetica e ambientale, al risparmio energetico e all'uso di energie alternative. È il nuovo corso indicato dall'assessora comunale dello Sport, Lalla Cavazzuti, per la gestione degli impianti sportivi di proprietà del Comune. Secondo lei sono questi i principi cardine su cui dovranno fondarsi i bandi per la concessione del servizio di gestione e riqualificazione degli impianti sportivi cittadini, per il loro ammodernamento, il potenziamento e il miglioramento dei servizi a supporto delle strutture sportive cittadine. Il percorso tracciato dall'amministrazione comunale è stato nei giorni scorsi al centro di accese polemiche a opera delle forze di opposizione in consiglio comunale, secondo le quali si sarebbero fissati dei paletti che rendono i costi insostenibili per le società sportive algheresi. Gli impianti interessati dal bando sono il PalaCorbia, il Mariotti, il PalaMariotti, il PalaManchia, il campo della Taulera, l'impianto di rugby e quello polivalente di atletica. La durata della concessione è stimata in sei anni per «dotare finalmente la Alghero sportiva di un quadro di regole condivise per lo sviluppo dello sport in totale sicurezza e attuando un programma di interventi mirati di riqualificazione». Di tutto questo si discuterà martedì prossimo alle 16 negli uffici di Porta Terra, dove è in programma un incontro promosso dal segretario regionale Luca Canessa per condividere obiettivi e contenuti del bando con le associazioni sportive interessate alla concessione degli impianti. Un primo incontro si è tenuto nei giorni scorsi. I rappresentanti delle società sportive cittadine hanno avuto chiarimenti su diversi aspetti dei bandi. A loro è stato illustrato nel dettaglio l'obiettivo dell'amministrazione e si è chiarito ogni termine alla base del programma di affidamento degli impianti. «È emersa la ragionevolezza con cui è stato strutturato ogni bando, distinguendo tra impianti di rilevanza economica e impianti privi di rilevanza economica - spiega Porta Terra - che garantisce la remunerazione del capitale investito». L'amministrazione, in primis il segretario generale, «resta a disposizione per ulteriori chiarimenti dagli operatori interessati». Intanto a breve sarà delineato il programma di investimenti avviato dall'assessorato sugli impianti, con un primo pacchetto di interventi da un milione di euro. (g.m.s.)