scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
14/05/2021

Albisola, nuovo bando per le scuole San Pietro Il Comune le cede a 2,6 milioni

Il Secolo XIX - Alessandro PalmesinoG. V.

il casoIl Comune di Albisola riprende in mano il maxiprogetto per la dimissione dell'edificio che ospitava la scuola di via San Pietro e la sua trasformazione in un complesso residenziale. La giunta del sindaco Maurizio Garbarini ha predisposto un nuovo bando per la vendita dell'operazione e dei volumi rivolto a imprenditori privati che siano interessati a intervenire. La valutazione è stata ridotta nel corso degli anni, via via che le aste andavano deserte e in considerazione dell'andamento del mercato immobiliare albisolese.Dai 5,6 milioni di euro che aveva stimato nel 2011 dall'amministrazione del sindaco Franco Orsi, oggi si è arrivati a 2,6 milioni. La scadenza per la presentazione delle offerte è stata fissata al 3 giugno. Il piano prevede la demolizione dell'ex scuola e la conseguente realizzazione di un complesso con 96 appartamenti, oltre ai relativi parcheggi pubblici e alle aree verdi. Inoltre all'inizio il Comune aveva allargato l'orizzonte dell'operazione, inserendo anche una serie di interventi di riqualificazione urbanistica, in gran parte a carico dei privati sotto forma di oneri a scomputo, come la costruzione del nuovo municipio, una strada che collegasse la stazione ferroviaria con via Giovanni XXIII, la ciclo-pedonalizzazione di via San Pietro, l'ampliamento dell'asilo di via De Rege, zone verdi attrezzate e parcheggi. Oltre a un pagamento "cash" 1,8 milioni di euro. Ovviamente le stime sono state riviste, dato che le varie aste erano andate deserte. Una proposta concreta era arrivata da parte di un gruppo immobiliare per avviare la famosa operazione, ma il progetto si era interrotto bruscamente per la rinuncia improvvisa da parte dell'impresa Eco Costruzioni di Lodi. A questa era subentrata la Sviluppo Immobiliare Ligure Srl di Milano, ma anche questa aveva alzato bandiera bianca. Dopo aver comunque incamerato 300 mila euro di cauzione, il Comune aveva avviato un nuovo bando, le cui chiamate però erano andate deserte nonostante fosse stata stralciata la costruzione del nuovo municipio. Ora ci riprova, con un'ulteriore gara e un altro ritocco del prezzo al ribasso.--G. V.