scarica l'app
MENU
Chiudi
01/12/2019

Alba, serve un altro progetto per i lavori della scuola media

Il Centro

È corsa contro il tempo per non perdere il finanziamento di due milioni di euro stanziati dal ministero dell'Istruzione
di Luca Tomassoni ALBA ADRIATICA A rischio il finanziamento ministeriale da due milioni di euro per la scuola media di Alba Adriatica. Per la Regione, infatti, il vecchio progetto, presentato oltre quattro anni fa, non rispecchierebbe le «esigenze sopravvenute» e così il Comune, nei giorni scorsi, ha dovuto affidare ai tecnici la nuova progettazione, sia preliminare che definitiva, dell'opera con il rischio di ulteriori ritardi sulla tabella di marcia. Per il Comune, che ha fissato in sei mesi il termine massimo per completare la progettazione, si tratta quindi di una vera e propria corsa contro il tempo per terminare l'iter entro i tempi previsti dal ministero dell'Istruzione nell'assegnazione del finanziamento. Quei due milioni sono fondamentali per intraprendere la seconda fase dell'opera di demolizione e ricostruzione dell'unica scuola media cittadina, in particolare dell'ala di via Saffi. Nel frattempo, però, è ancora ferma per intoppi burocratici la fase 1, ossia quella della ricostruzione dell'ala di via Duca D'Aosta. Dopo la sentenza del Tar, che aveva bloccato i lavori accogliendo il ricorso del consorzio di Ravenna arrivato secondo nella gara d'appalto da un milione e 400mila euro, giudicando «false o fuorvianti» alcune delle informazioni contenute nell'offerta vincente presentata dalla ditta di Sant'Omero che si era aggiudicata l'opera, sulla questione si era espresso anche il Consiglio di Stato che aveva confermato quanto stabilito dai giudici amministrativi di primo grado. Ma a tutt'oggi ancora non è arrivato il via libera all'affidamento dei lavori al consorzio di Ravenna. La vicenda ha anche inasprito i rapporti tra il Comune e la città territorio Val Vibrata, che ha gestito la gara d'appalto tramite la propria centrale unica di committenza. Tutt'altro che semplice, quindi, è la posizione del municipio, che è impegnato su più fronti nel tentare di superare gli ostacoli incontrati dall'opera di realizzazione della nuova scuola media. Questo mentre la comunità scolastica vive ancora l'emergenza della carenza di spazi, scoppiata nel 2013 dopo la chiusura per inagibilità dell'ala di via Duca d'Aosta e risolta in via provvisoria ricavando nuove aule dai corridoi e dall'aula magna dell'ala di via Saffi. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Il cantiere della nuova scuola media di Alba Adriatica