MENU
Chiudi
04/01/2019

Al via la cura sicurezza per cinque ponti

L'Arena di Verona

VIABILITÀ. La Provincia ha pubblicato il bando per la progettazione degli interventi sulle infrastrutture più vecchie e compromesse, per una spesa di 10 milioni di euro
Si comincia con il manufatto sulla Fossa Maestra che verrà ricostruito, manutenzioni sul Canalbianco, sul Delaini e sul Canal Sava e alla struttura «delle gambe lunghe» Francesca Lorandi Inizia la cura per cinque ponti della provincia considerati sorvegliati speciali perché, a causa dell'età, da qualche tempo mostrano i primi cedimenti. Sono stati costruiti cinquanta, sessant'anni fa e, come pazienti ormai terminali, versano in pessime condizioni: realizzati quando le auto in circolazione erano poche, il via vai ridotto, il peso da sorreggere decisamente inferiore rispetto a quello attuale, hanno sopportato per decenni l'aumento del traffico, grazie anche a continui lavori di manutenzione. La Provincia, che dalla Lessinia alla Bassa ha 1.200 ponti da tenere sotto controllo, aveva già messo in conto nei mesi scorsi una spesa di 10 milioni di euro nel biennio 2018-2019 per cantieri, accertamenti e studi di fattibilità relativi ai ponti di competenza: lo avevano sottolineato i dirigenti degli uffici dei Palazzi Scaligeri all'indomani della tragedia di Genova, che aveva sollevato l'attenzione sullo stato delle infrastrutture di tutto il Paese. E il 31 dicembre sono stati pubblicati cinque bandi di gara per altrettanti ponti che versano in condizioni critiche: scadranno tutti il primo febbraio e riguardano la progettazione di lavori di manutenzione e, in un caso, di demolizione e ricostruzione, per un valore complessivo di un milione di euro. La Provincia prevede la fase successiva, cioè l'affidamento dei lavori, entro la fine del 2019 per iniziare così con i cantieri il prossimo anno: a bilancio sono già stati messi 6,5 milioni di euro destinati alla realizzazione di questi interventi. Stando a questa tabella di marcia, si prevede inizierà nel 2020 il cantiere per ricostruire ex novo il ponte di Torretta di Legnago sulla Fossa Maestra, lungo la provinciale 46: il bando per la progettazione e la direzione lavori è di 96mila euro. Per ora, per non peggiorare la salute della struttura, i limiti di velocità sono stati abbassati così come i carichi di passaggio. Poco lontano, a Cerea, sono previsti lavori di ristrutturazione del ponte sul Canalbianco lungo la Provinciale 47 dir, dove intanto si viaggia a senso unico alternato: qui il bando prevede il progetto per il consolidamento strutturale e l'adeguamento sismico per una spesa di 128mila euro. A Ronco e Belfiore si interverrà sul ponte Delaini. La gara dal valore di 302mila euro riguarda l'affidamento del progetto per il ripristino degli ammaloramenti di alcune parti della struttura e la messa a norma dal punto di vista antisismico: superando la soglia dei 250mila euro, la Provincia ha dovuto fare una gara europea. Nell'elenco c'è anche il vicino ponte sul Canal Sava di Belfiore lungo la Provinciale 39b, per il quale il bando è di 108mila euro, anche in questo caso per la progettazione degli interventi di consolidamento strutturale e adeguamento sismico. Il quinto bando riguarda il ponte «delle gambe lunghe» sulla provinciale 15 del Purga, a Roverè Veronese, le cui condizioni non sono buone: lo si capisce dal limite di velocità, 30 chilometri all'ora, e dalla distanza che devono mantenere tra loro i mezzi pesanti. Il Comune aveva chiesto che venisse demolito e costruita una nuova struttura, ma i costi erano elevati, 3 milioni di euro, e soprattutto l'iter complicato e i tempi lunghissimi. Il bando di fine dicembre, del valore di 190mila euro, riguarda quindi il ripristino strutturale e la messa a norma dal punto di vista antisismico. Sempre a fine 2018 è stato pubblicato un sesto bando, relativo alla fase successiva alla progettazione, ossia l'affidamento dei lavori. La gara, che scade il 18 febbraio, riguarda l'avvio dei cantieri sul ponte sull'Adige che si trova tra Carpi di Villa Bartolomea e Terrazzo, inaugurato una decina di anni fa. Quelli in programma sono quindi lavori di manutenzione: sistemazione dei giunti di dilatazione, spesa di 238mila euro.

Foto: Il ponte sul Fossa Maestra a Torretta verrà abbattuto e ricostruito

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore