scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/04/2021

Aiuti alle Pmi, prima tranche a fondo perduto

QN - La Nazione

FIRENZE Prima tranche di risorse per 1,6 milioni, a sostegno delle micro e piccole imprese del territorio impegnate a combattere le conseguenze della crisi provocata dall'emergenza sanitaria e a cogliere i primi segnali di ripresa dell'economia. Con il mese di aprile diventano operativi i tre bandi della Camera di commercio di Firenze con risorse a fondo perduto per lo sviluppo digitale delle imprese, la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro e lo sviluppo internazionale. «Dobbiamo tornare a crescere, - ha detto Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di commercio - spingendo sull'innovazione tecnologica a tutti i livelli e guardando ai mercati internazionali che stanno già ripartendo». «Il rimbalzo del Pil, focalizzato sul secondo semestre dell'anno, potrebbe essere nell'ordine del 5% per la nostra città metropolitana - aggiunge Giuseppe Salvini, segretario generale della Camera - per aiutare le imprese a cogliere tutte le opportunità mettiamo a disposizione risorse economiche e servizi qualificati gratuiti, come quelli del Punto impresa digitale e di PromoFirenze, la nostra azienda speciale». Il bando 2021 per l'innovazione digitale (domande a partire dal 29 aprile) si affianca a quelli per la sicurezza epidemiologica in azienda (domande dal 19 aprile) e ai percorsi per l'internazionalizzazione, (bando già partito a marzo). "Ripartiamo in sicurezza'' prevede contributi a fondo perduto a favore delle Pmi dell'area metropolitana (fino a 2mila euro) per sostenere spese legate alla sicurezza da rischio epidemiologico nei posti di lavoro (dpi, tamponi e test sierologici, igienizzazione e sanificazione compresi macchinari, consulenza e formazione del personale sulla sicurezza dei luoghi di lavoro (ad eccezione della formazione obbligatoria). Il bando integrale è scaricabile al link Ripartiamo in Sicurezza. ''Ripartiamo con l'internazionalizzazione'' nasce con l'obiettivo di consolidare la presenza delle micro, piccole e medie imprese sui mercati internazionali. Finanzia diverse tipologie di spesa tra cui partecipazione a fiere fisiche o virtuali italiane ed estere, protezione del marchio d'impresa, certificazione di prodotto per l'esportazione, traduzione di brochure aziendali, campagne di marketing digitale, incontri d'affari e B2B virtuali con buyer esteri. Il contributo camerale sarà pari al 50% delle spese ammissibili con un massimale di mille euro per le fiere (anche digitali) italiane e 1.500 per le altre tipologie di spesa. E' già possibile presentare domanda fino ad esaurimento fondi. Bando integrale sulla pagina dedicata e al link dedicato il video che spiega le modalità di presentazione della domanda. © RIPRODUZIONE RISERVATA