scarica l'app
MENU
Chiudi
08/08/2020

Aiuti alle imprese, nuovo bando per comprare le mascherine

Il Tirreno

L'amministrazione comunale finanzierà a settembre centomila euro per i dispositivi di sicurezza e le sanificazioni sopra i 100 euro di spesa ripresa dell'economia
LIVORNOPer sostenere le aziende e fare in modo che le loro attività siano in sicurezza, l'amministrazione comunale nel mese di settembre darà il via a un nuovo bando che segue quello di giugno per il rimborso parziale delle spese effettuate per l'acquisto di dispositivi e per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro. Il Comune metterà a disposizione 100mila euro. «Il primo bando è andato abbastanza bene - spiega il vicesindaco Andrea Crespolini - nel senso che a giugno eravamo preoccupati che i 100.000 euro messi a disposizione non fossero sufficienti a dare un po' di ossigeno alle nostre piccole e medie imprese».« In realtà - va avanti - non ci sono state tante richieste e vogliamo ripetere l'operazione abbassando il limite minimo di partecipazione da 500 euro a 100 euro, per dar modo veramente a tutti di presentare la propria domanda».Potranno beneficiare del rimborso tutte le imprese di tipo industriale, artigianale, commerciale al dettaglio, turistico-ricettiva, direzionale, di servizio, commerciale all'ingrosso, depositi, agricolo e funzioni connesse, cooperative sociali (ad esclusione della destinazione residenziale) indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato, anche se prive di codice Ateco.Alla data di presentazione della domanda di rimborso, devono essere in possesso dei seguenti requisiti: essere regolarmente costituite e iscritte come "attive" nel Registro delle imprese o in altri enti o con altre procedure (in funzione dell'attività svolta); in possesso almeno di una unità locale o produttiva nel Comune di Collesalvetti; che non siano in liquidazione volontaria e non sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatoria; che siano in regola con i versamenti dei tributi comunali già emessi e scaduti.Le spese ammissibili al rimborso saranno quelle sostenute dalle imprese per l'acquisto di strumenti di protezione individuale e di sanificazione. Ci rientrano mascherine filtranti, chirurgiche (Ffp1, Ffp2 e Ffp3); guanti in lattice, in vinile e in nitrile; dispositivi per la protezione degli occhi; indumenti di protezione, quali tute o camici; calzari o sovrascarpe; cuffie o copricapi; dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea; detergenti e soluzioni disinfettanti;dispositivi di protezione e separazione dei lavoratori; sanificazioni di ambienti di lavoro e strumenti di lavoro.«Questo secondo bando - conclude il vicesindaco Andrea Crespolini - è frutto del lavoro congiunto che è stato portato a termine anche con l'assessore Dario Fattorini con delega all'associazionismo e si aggiunge in particolar modo alle operazioni che stiamo mettendo in campo non solo per le nostre imprese, ma anche per tutto il settore associativo che potrà utilizzare questo bando e la possibilità di occupare gratuitamente il suolo pubblico, sempre rispettando i limiti dell'ordinanza, soprattutto in previsione dell'organizzazione delle consuete feste estive pubbliche le quali dovranno attenersi alle limitazioni tecniche che l'emergenza coronavirus ci sta imponendo». --