scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
17/09/2021

Aiuti alle imprese con identità digitale

Il Sole 24 Ore - Roberto Lenzi

Accesso ai fondi
L'obbligo di dotarsi degli strumenti di riconoscimento digitale riguarda anche gli imprenditori che intendono accedere alle varie forme di aiuti. A breve (si veda anche il pezzo in alto) l'accesso ai servizi delle aree riservate dei vari enti pubblici che gestiscono fondi a favore delle imprese, come ad esempio Invitalia o Inail, sarà consentito solo con credenziali Spid, Cns o Cie. L'attivazione di Spid sarà quindi un'operazione fondamentale per cui gli imprenditori dovranno provvedere, onde evitare di arrivare a ridosso di una scadenza importante privi di uno strumento che diventerà fondamentale per chi ambisce a beneficiare degli aiuti pubblici.

Ad esempio, i bandi Disegni+2021 e Marchi+2021, in apertura nel corso del mese di ottobre 2021 a cura di Unioncamere, escluderanno già dall'accesso chi non si dota di Spid. Infatti, i bandi già prevedono l'obbligo di essere in possesso di una identità Spid personale; nel caso in cui la domanda non sia presentata dal legale rappresentante dell'impresa occorrerà allegare la procura speciale firmata digitalmente, pena la non ammissibilità della domanda, sia dal legale rappresentante dell'impresa richiedente sia dal suo procuratore speciale. Oltre alla firma digitale, sarà importante anche disporre di un indirizzo di Pec della società, valido e attivo, per le comunicazioni con Unioncamere.

Stessa sorte toccherà alle grandi imprese interessate a richiedere, a partire dal 20 settembre, il finanziamento del fondo «Sostegno Grandi Imprese» per il quale Invitalia avvisa tramite il proprio canale ufficiale che sarà necessario registrarsi ai servizi telematici di Invitalia, accedere con lo Spid per compilare la domanda online e scaricare la documentazione da allegare, nonché disporre della firma digitale del legale rappresentante e dell'indirizzo di Pec della società. In questo caso, al termine della procedura verrà assegnato un protocollo elettronico.

Anche il portale Enea per le comunicazioni legate alle detrazioni fiscali non sfuggirà a questa novità; tutte le persone fisiche che intendono utilizzarlo (sia beneficiari che intermediari che asseveratori) dovranno autenticarsi direttamente con Spid.

© RIPRODUZIONE RISERVATA