scarica l'app
MENU
Chiudi
02/09/2018

Aeroporti, il Consiglio di Stato fa decollare Alitalia

Gazzetta del Sud

Respinto il ricorso d ' appello della Regione Calabria su uno dei lotti più importanti del bando per la ricerca di compagnie aeree
Soccombe anche il gruppo Ryanair che contendeva l ' ammissione ai benefici. La " battaglia dei cieli " si fermerà? Nei giorni scorsi tre dei quattro lotti sono stati assegnati ma soltanto dopo estenuanti lungaggini
Alfonso Naso REGGIO CALABRIA Intercettare nuovi voli e aumentare la presenza turistica nella regione. Il bando di co-marketing era stato pensato per questo. Oltre dieci milioni di euro messi sul piatto dalla Regione Calabria e che avevano superato anche il controllo dell ' Unione Euro pea. Peccato però che tutto l ' iter sia ancora non concluso e l ' offerta commerciale da e per la Calabria da parte delle compagnie low-cost sia partita, peraltro solo parzialmente, solo nelle scorse settimane. La Regione subisce peraltro un altro stop al Consiglio di Stato. E' stato respinto il ricorso contro l'Alitalia e anche quello della Airport Marketing Service Limited (gruppo Ryanair) contro la stessa Alitalia. I giudici amministrativi di appello scrivono che «considerato, poi, che le questioni poste, specie quelle di carattere processuale, meritano la valutazione propria dell ' udienza pubblica, e, per questo, appare opportuno mantenere la situazione inalterata fino alla decisione di merito, possibile in ragione dell ' oggetto del contratto da aggiudicare, riuniti gli appelli proposti, respinge l'istanza cautelare». Tutto, si ricorda, è partito dopo la contestazione del decreto della Regione - Dipartimento Turismo, Beni Culturali, Istruzione e Cultura, nella parte in cui era stata disposta l ' ammissione della società " Airport Marketing Service Limited alle " fasi suc cessive " della procedura aper ta indetta dalla stessa Regione Calabria «per l ' affidamen to dei servizi di promozione e comunicazione per la realizzazione di una campagna di " advertising " finalizzata ad intercettare nuovi flussi turistici verso la destinazione " Calabria " ed alla promozio ne del territorio regionale calabrese nei mercati di riferimento». La Regione in un primo tempo aveva escluso dalla gara l ' Airport Marketing Ser vice per varie carenze documentali, aveva infatti riammesso la stessa società, dopo averle consentito l ' integrazio ne dei documenti prodotti. Alitalia non vuole cedere e non reputa legittimi gli atti della Regione per ammettere al finanziamento anche altre compagnie e per ora ha avuto ragione. Già a giugno il Tar di Catanzaro aveva annullato l ' ammissione della società Airport Marketing Service alla gara d ' appalto da circa 10 milioni di euro per " la realiz zazione di una campagna di advertising finalizzata ad intercettare nuovi flussi turistici e alla promozione del territorio regionale nei mercati di riferimento " . Quello meglio come conosciuto il " bando co-marke ting " che punta a intercettare nuovi flussi turistici verso la destinazione Calabria e promuovere il territorio regionale nei mercati di riferimento nazionali ed esteri. L ' investi mento previsto è di quelli importanti, circa 10 milioni di euro, e potrebbe trasformarsi in una boccata d ' ossigeno per gli aeroporti. Finora però tutto è andato a rilento e solo nelle scorse settimane con decreto del dirigente generale del dipartimento Turismo, Sonia Tallarico, la Regione aveva formalizzato la proposta di aggiudicazione di tre lotti mentre uno rimane bloccato dal ricorso che sia in prima che in seconda battuta ha dato, per ora, ragione ad Alitalia. E gli aeroporti di Lamezia Terme, Crotone e Reggio Calabria possono aspettare. 3

Focus

l La Regione ha sbloccato tre lotti del bando di co-marketing mentre uno rimane bloccato da un ricorso. Il bando, per un valore totale di 9,8 milioni di euro, è suddiviso appunto in quattro lotti. Il primo lotto, dal valore di 3 milioni, si riferisce alla comunicazione e promozione in consolidati mercati europei al fine di massimizzare l ' accesso ai grandi volumi di potenziali turisti; si richiedono come mercati prioritari almeno tre tra Amburgo, Berlino, Madrid, Londra, Bruxelles, Cracovia, Francoforte, Dusseldorf. Il secondo lotto (1,9 milioni) ha per oggetto mercati europei non ancora consolidati o innovativi, con almeno due tra Bucarest, Budapest, Parigi, Varsavia, Sofia, Praga e Mosca. I lotti numero 3 (da 3 milioni di euro) e 4 (da 1,9 milioni) riguardano entrambi la promozione in Italia: il terzo si riferisce a mercati consolidati (prioritari almeno tre tra Milano Linate o Malpensa, Torino, Bologna, Genova e Roma), il quarto a mercati non ancora consolidati o innovativi (Treviso, Verona, Venezia e Roma).

Foto: Scenari incerti. Un aereo dell ' Alitalia durante la fase di decollo dall ' aeroporto di Reggio Calabria