scarica l'app
MENU
Chiudi
22/06/2019

ADRIA Pace apparentemente fatta tra la Consulta de…

Il Gazzettino

ADRIA
Pace apparentemente fatta tra la Consulta dello sport e del tempo libero presieduta da Federico Simoni e l'assessore allo sport Marco Tosato.
Il fuoco però cova sotto la cenere. Non solo la Consulta è in fibrillazione ma tutto il movimento sportivo adriese, in attesa delle mosse ufficiali dell'esecutivo Barbierato. «Ho incontrato il Comitato esecutivo della Consulta dello sport e del tempo libero - precisa Tosato -. È stato un dialogo costruttivo tra amministrazione e vertici della consulta nel corso del quale è stata dato ampio risalto alle motivazioni per le quali lo sfalcio del verde non può più essere affidato alle società sportive, come nel passato. Non lo permette la normativa vigente, tra cui anche il codice degli appalti. Dalla riunione è emerso inoltre che le tariffe per l'uso delle palestre comunali non subiranno variazioni per il 2019/2020 e che, invece, si sta lavorando per poterle migliorare, tenendo conto delle esigenze degli utenti e dei costi orari unitari delle palestre valutando ulteriori agevolazioni».
CALCIO FRAZIONALE
Tosato inoltre ha reso note le modalità di sostegno all'attività sportiva calcistica nelle frazioni. In pratica, il Comune dovrebbe pagare la tassa di iscrizione ai rispettivi campionati alle società di Baricetta ed Atletico Bellombra per la Terza Categoria e all'asd Ca' Emo per la Seconda categoria. «Abbiamo comunicato le modalità di sostegno all'attività sportiva nelle frazioni che le società sportive hanno accettato e che permetteranno il mantenimento dei servizi sportivi alle comunità dei paesi, indispensabili per la vita e l'animazione delle realtà frazionali - ha aggiunto l'assessore -. Ci sarà un sostegno economico per l'avvio dell'anno sportivo e la proroga del contratto di gestione degli impianti sportivi per tutta la prossima stagione, in attesa di approvare il regolamento per l'uso degli impianti sportivi, che sarà sottoposto all'attenzione della competente commissione consiliare e quindi al voto del consiglio».
IL BRESSAN VA A GARA
Non sarà così per lo stadio Bressan di Borgo Dolomiti dove, per l'assegnazione del campo, si dovrebbe andare a gara anche se i tempi diventano sempre più stretti e rischiano di mettere in crisi la stessa Adriese. Tre le società interessate alla gestione del campo: il San Vigilio, che sin dalla sua nascita nel 1964, è nata e cresciuta su questo terreno e il cui settore giovanile gravita in orbita Adriese, la stessa Adriese la cui prima squadra usa il Bettinazzi come terreno di allenamento, e il Bocar Juniors.
«L'amministrazione comunale - sottolinea il sindaco Omar Barbierato - dopo le richiesta presentate da più soggetti sportivi, ha deciso di avviare una procedura di gara per l'affidamento dell'impianto sportivo di Borgo Dolomiti intitolato a Luigi Bressan. È ferma intenzione di sostenere l'attività sportiva, in particolare il settore calcistico giovanile, valorizzando sia la tradizione sportiva locale sia il rinnovamento strutturale, per consentire e favorire un adeguamento e un miglioramento manutentivo di cui l'impianto necessita ormai da diversi anni. In tempi brevi, che terranno conto delle tempistiche sportive di iscrizione al campionato, sarà pubblicato il bando».
Guido Fraccon