scarica l'app
MENU
Chiudi
06/06/2019

Adeguamento strada statale «16» lavori al via con lo sblocca cantieri?

La Gazzetta Del Mezzogiorno

SAN SEVERO IL COMITATO CHIEDE L'INTERVENTO DEL PREFETTO DI FOGGIA E DELL'ANAS OLTRE CHE DELLA FUTURA AMMINISTRAZIONE
Il pressing del comitato «Mai più morti» dopo le voci di uno slittamento L'intesa gialloverde sul codice degli appalti potrebbe far venire meno l'allarme sul rinvio dell'opera
ANGELO CIAVARELLA l SAN SEVERO. Sta generando stupore e preoccupazione nel comitato civico "Mai più morti sulla SS16" la notizia del possibile rinvio decisa dal Governo, dei lavori di adeguamento del tratto Foggia-San Severo della strada Statale 16, anche se l'intesa gialloverde sul codice degli appalti dovrebbe invece far ripartire l'opera. Un'opera finanziata con il Fondo per lo sviluppo e coesione (2014-2020), per 130 milioni di cui 128,5 milioni per i lavori e 1,5 milioni per la progettazione che sarebbero serviti per l'ammoder namento e messa in sicurezza dell'ar teria. "Nelle scorse ore il Governo - spie gano dal comitato Mai più morti sulla SS16 -, avrebbe discusso un emendamento che di fatto se approvato rinvierebbe l'avvio dei lavori dal 2019 al 2022. Una notizia che getta nella costernazione migliaia di pendolari che speravano di poter presto assistere all'avvio dei lavori". Infatti, l'intervento presentato alcuni mesi fa in Comune dal sindaco e dai rappresentanti di Anas e Ministero, è finalizzato ad elevare i livelli di servizio della Statale 16 "Adriatica" mediante adeguamento in sede del tratto compreso tra Foggia e San Severo, dal km 670+500 (allaccio tangenziale di Foggia) al Km 650+000 (allaccio tangenziale di San Severo). Circa 20,5 km di allargamento della carreggiata con la realizzazione di viabilità di servizio in affiancamento all'asse viario principale per organizzare gli accessi ai fondi laterali, i cui utenti, pertanto, avrebbero piena autonomia negli spostamenti locali senza interferire con la circolazione lungo la strada Statale 16. "Si tratta di una progettualità che non è di fatto un raddoppio - con tinuano dal comitato -, ma che avrebbe consentito a detta dell'Anas un miglioramento delle condizioni di sicurezza limitando così il rischio di incidenti che negli ultimi anni si sono verificati con una preoccupante frequenza su quel tratto di strada. Ci auguriamo che la pausa non finisca per lasciare irrealizzata un'opera che il territorio chiede dagli anni '80". Dal comitato civico si appellano quindi alla futura amministrazione affinché si attivi quantomeno con il Prefetto di Foggia allo scopo di attuare iniziative utili per rendere maggiormente sicura la strada che collega l'Alto Tavoliere al Capoluogo Dauno. "In attesa dell'effettivo avvio dei lavori che di questo passo potrebbe slittare di parecchi anni i lavori - con cludono dal comitato - sarebbe il caso di prevedere incentivi per l'utilizzo del tratto autostradale Foggia-San Severo, riducendo o azzerando il costo del pedaggio in autostrada per i pendolari. Fondamenta le per aumentare il livello di sicurezza di quella strada sarebbe anche l'in stallazione di due sistemi di verifica della velocità, su entrambi i sensi di marcia. Oltre che l'aumento quotidiano dei controlli per evitare la presenza di meretrici lungo la carreggiata. E c'è anche chi sostiene che dovrebbe essere interdetto il transito su quella via per le categorie veicolari lente o lentissime". .

Foto: SAN SEVERO La statale 16 nel tratto Foggia-San Severo