scarica l'app
MENU
Chiudi
03/09/2018

Adeguamento sismico per le medie e il Comune pensa alla nuova scuola

Corriere Adriatico

LE OPERE PUBBLICHE
CASTIGNANO Gara d'appalto al via per la messa in opera della riqualificazione del costone della zona sud del paese. Lo annuncia il sindaco di Castignano, Fabio Polini, alla vigila dell'affidamento dei lavori che, però, dovranno passare per una gara d'appalto, già bandita dal comune.
Il costone
«In questo mese verranno appaltati i lavori per il consolidamento del costone che si trova in un'area sensibile e molto strategica, considerato che comprende diverse piazze e arterie molto importanti del centro storico», dice il primo cittadino, Fabio Polini. In realtà, si tratta di un progetto che prevede due tranche, per un totale di tre milioni di euro. «Siamo in fase di gara d'appalto - aggiunge il primo cittadino - della prima tranche dei lavori, pari ad un milione e mezzo di euro: risorse che arrivano dall'otto per mille. L'altra parte del finanziamento, invece, riguarda la tranche di fondi relativi al dissesto idrogeologico. Stimiamo l'inizio dei lavori, al netto delle procedure burocratiche, entro l'anno».
Le scuole
Sul fronte adeguamento sismico sui plessi scolastici, i lavori proseguono. «A dicembre - prosegue il sindaco - dovrebbero concludersi i lavori di adeguamento sismico sulla scuola media del paese, per un importo pari a 900 mila euro. Si tratta di fondi regionali sulla sicurezza delle scuole inseriti nel piano triennale delle opere pubbliche. I lavori stanno procedendo, anche se il plesso non sarà pronto ad accogliere gli studenti il 17 settembre. Contiamo di concludere l'intervento entro il prossimo dicembre, durante le vacanze natalizie ». Nel frattempo gli studenti della media di Castignano continueranno a studiare all'interno della scuola elementare del paese. Ma anche il suggestivo paese dei Calanchi avrà un plesso scolastico nuovo di zecca. «È già partito lo studio di fattibilità della nuova scuola elementare - annuncia Fabio Polini - che verrà realizzata vicino alla scuola media». Si spenderanno circa un milione e quattrocento mila euro, «risorse - aggiunge il primo cittadino - che provengono da quelle stanziate per il terremoto».
Il ponte
Infine, Fabio Polini ritorna sul ponte di attraversamento che svetta sul torrente Tesino. Si tratta della passerella, ad oggi ancora interdetta al traffico, che insiste a metà tra il territorio di Castignano e quello di Montalto, che si trova in «grave stato di criticità strutturale e generale - prosegue Polini - e si presenta in condizioni disastrose» Sulla scia dei gravissimi fatti di Genova, infatti, il sindaco di Castignano, insieme al suo omologo di Montalto delle Marche, Raffaele Tassotti, nei giorni scorsi hanno inviato una segnalazione al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per risolvere il problema. « I piloni di questa struttura - ribadisce Polini - non sono in sicurezza. Più volte è stata segnalata ai vari enti, ma ad oggi non sono stati trovati ancora finanziamenti. Voglio ringraziare - conclude - il presidente della Provincia. Grazie a lui è stato possibile inviare questo accorato appello al Governo, e spero che si possano trovare i finanziamenti per risolvere il problema».
Eduardo Parente
© RIPRODUZIONE RISERVATA