scarica l'app
MENU
Chiudi
20/05/2020

Acque Spa continua a investire Gare d’appalto on line e cantieri

QN - La Nazione

PISA Garantire il servizio idrico pur in un contesto molto complesso. E soprattutto assicurare liquidità per le imprese fornitrici mantenendo inalterato il programma degli investimenti programmati. Il Coronavirus non ha fermato Acque spa, che ha continuato a sostenere attraverso gli appalti e la realizzazione di opere pubbliche l'economia e il tessuto sociale. Procedure online per garantire esecutività agli interventi senza venire meno alla trasparenza e rispettando le procedure di legge per le selezioni a evidenza pubblica. Con questa modalità semplificata, ma prevista dalla legge, il gestore idrico del Basso Valdarno nelle scorse settimane ha concluso l'affidamento della gara d'appalto per gli interventi di miglioramento sismico presso un deposito pensile, a Santa Croce sull'Arno, con un importo a base d'asta di oltre 850 mila euro. Da quel momento la società non si è più fermata e ha proseguito con le stesse modalità a procedere agli affidamenti per il programma di investimento sul servizio idrico, che prevedono per il solo 2020 un impegno di spesa di 83 milioni di euro. E si tratta di interventi significativi avviati con l'apertura di cantieri già nel periodo di lockdown pur assicurando tutte le misure di sicurezza previste dai protocolli sanitari anti-contagio. Lo svolgimento dei lavori ha potuto anche approfittare della minore «pressione», in termini traffico, sulle strade cittadine proprio a causa della quarantena che ha limitato gli spostamenti. I lavori in corso di queste ultime settimane sono numerosi: dall'intervento indifferibile sulla fognatura a Cisanello (intervento già concluso), a Pisa, al costante ammodernamento del «Mille», la tubazione che «disseta» il capoluogo pisano e oggetto di un importante restyling nel tratto che passa dal comune di San Giuliano Terme. Tra i principali cantieri c'è anche quello che riguarda il Distretto conciario con il primo lotto del «Tubone Staggia - Santa Croce» nell'ambito cosiddetto «Accordo del Cuoio»: un complesso di opere dal valore di 143 milioni di euro che nei prossimi anni porterà benefici a circa 250 mila cittadini toscani. Sempre nell'area pisana sono stati recentemente terminati i lavori all'acquedotto ad Asciano e, sempre nel comune di San Giuliano terme, presto partiranno i lavori per sostituire 13 chilometri di tubazioni con una spesa prevista di 4 milioni di euro e che nei prossimi mesi ammodernerà la rete sangiulianese. Gabriele Masiero © RIPRODUZIONE RISERVATA