scarica l'app
MENU
Chiudi
14/10/2020

Abbonamenti sulle strisce blu Da febbraio i nuovi tagliandi

Il Gazzettino

Con la prima Giunta dopo il Consiglio comunale via al bando tanto atteso da residenti e lavoratori
MOBILITÀ
MESTRE A febbraio residenti e lavoratori potranno ritirare i primi pass per i nuovi, attesi ormai da anni, abbonamenti sulle strisce blu della terraferma. La prima giunta dopo il Consiglio comunale del 15 ottobre, che inaugurerà la nuova Amministrazione, varerà la delibera per il bando, dopodiché ci vorranno 60 giorni per la pubblicazione e subito dopo residenti e (questa sarà una delle novità) lavoratori potranno presentare domanda per ottenere l'abbonamento annuale.
«Il lungo lockdown e il periodo elettorale, purtroppo, hanno rallentato l'operazione ma ho già chiesto un incontro al sindaco perché tra i primi atti dell'assessorato alla Mobilità ci sarà il nuovo bando per le strisce blu - spiega l'assessore Renato Boraso -. Del resto lo stesso Luigi Brugnaro ha più volte sollecitato l'intervento dato che, in un momento di forte difficoltà economiche per i cittadini e i commercianti, dobbiamo fare il possibile per aiutarli».
LE MODALITÀ
Le modalità del bando sono già decise: è prevista la riduzione delle 6 aree diversamente colorate nelle quali è divisa la città e alle quali corrisponde il tagliando con lo stesso colore da esporre sul cruscotto dell'auto e che consente di parcheggiare nei dintorni di dove si abita. Col nuovo bando le aree saranno ridotte a tre e quindi il perimetro dove si potrà lasciare l'auto sarà molto più vasto; inoltre il Comune sta individuando alcune aree tra le meno utilizzate dai residenti dove dedicare una serie di stalli ai dipendenti di negozi, bar, ristoranti, studi professionali che vanno al lavoro in auto, soprattutto in questo periodo di contagi; uno dei luoghi prescelti è la grande area a parcheggio nei pressi del cimitero di via Spalti. «Sarà anche un bando che manterrà inalterati i costi attuali e che offrirà alle famiglie la possibilità di abbonare pure la seconda auto - continua Boraso -. Chiaro che sarà studiato in modo da impedire ai furbi di approfittarne, tipo quelli che hanno già un garage nel quale può essere ricoverata una vettura».
Nel frattempo l'assessorato alla Mobilità, sempre su indicazione del sindaco, sta anche cercando le risorse per continuare a garantire la gratuità del parcheggio sulle strisce blu per la prima ora e mezza (escluse sempre le aree di Piazzale Roma, le porte di San Giuliano, e il park dell'Interspar di via Torino): per favorire cittadini e commercianti colpiti dalle conseguenze dell'emergenza sanitaria il provvedimento (unico nel Veneto) era stato adottato già a marzo, e a fine agosto è stato prorogato sino a fine dicembre ma ora il Comune, dato che la crisi non si prevede finirà in questo lasso di tempo, vuole allungare la facilitazione ai primi mesi del 2021. Per usufruirne, e non prendere la multa, bisogna sempre ritirare dal parcometro la ricevuta con l'orario di scadenza sosta ed esporla sul cruscotto, o comunque usare l'app Avm.
Elisio Trevisan
© RIPRODUZIONE RISERVATA