scarica l'app
MENU
Chiudi
26/03/2020

Abano, stop ai cantieri «Non possiamo trascurare il verde»

Il Mattino di Padova - F.FR.

lavori pubblici
ABANO TERMEAlcuni lavori che si fermano, altri che proseguono a ritmo ridotto. Incertezza sul futuro dei cantieri e sugli appalti. L'ufficio Tecnico del Comune di Abano sta facendo in questi giorni i conti con il nuovo dpcm sull'emergenza sanitaria coronavirus. Un dpcm che prevede che possano lavorare solo le aziende che offrono servizi fondamentali ai cittadini. «Stiamo provando con i nostri uffici a capire bene quanto emerge dal dpcm», ammette il capo dell'ufficio Tecnico Leonardo Minozzi. «Stiamo provando a capire quali ditte possono andare avanti e quali invece devono, per legge, fermarsi. C'è incertezza in merito alla cura del verde. La ditta si è già fermata, in attesa di chiarimenti. Speriamo che l'interpretazione del decreto ci consenta di mantenere un servizio che risulta fondamentale. Non possiamo di certo pensare di non curare i giardini e le aiuole, altrimenti di questo passo il rischio sarebbe nel giro di poco tempo di trovarsi l'erba alta 40 centimetri».Per quanto concerne i lavori in corso, la situazione è fluida e contrastante. «La ditta che sta portando avanti i lavori di sistemazione dei marciapiedi di viale delle Terme ha deciso per il momento di fermarsi, anche perché, viste le restrizioni, ha difficoltà nel reperire il materiale. Proseguono, seppur a ritmo ridotto, in attesa di chiarimenti, invece i lavori di ammodernamento all'ex Casa delle Maestre». Rinvio in vista invece per lavori in rampa di lancio e appalti. «Sarebbero dovuti partire nei prossimi giorni i lavori di realizzazione della rotatoria tra via Cesare Battisti e via San Lorenzo, ma è tutto rinviato in attesa di nuove disposizioni. Avremmo dovuto avviare la gara d'appalto per i lavori di realizzazione dell'ecocentro e di sistemazione della scuola elementare De Amicis di Giarre. In questo caso però il problema è che avremmo dovuto invitare le ditte per un sopralluogo, ma secondo quanto previsto dal decreto non possiamo fare incontrare la gente e quindi creare assembramenti di persone. L'avvio delle due gare d'appalto è quindi posticipato». «In questi giorni», conclude il capo dell'ufficio Tecnico Minozzi, «studieremo bene cosa potremo fare e cosa saremo costretti a fermare o a rinviare». --F.FR.