scarica l'app
MENU
Chiudi
28/08/2020

A22, via libera al rinnovo del casello Ala-Avio

Corriere dell'Alto Adige - Margherita Montanari

Prestolagara,inprimaverailavoriper24milioni.Costa:«Sirisolvonoproblemidiviabilità».
Si procederà per gradi. Prima la gara d'appalto e già in primavera l'avvio dei cantieri. Con la risposta positiva del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, il progetto di A22 per il rifacimento del casello di Ala-Avio comincia a prendere forma. L'annuncio, arrivato ieri, conferma così i piani della società Autostrada del Brennero, che già nel cda del 28 febbraio aveva manifestato l'intenzione di far presente a Roma l'intento di rinnovare la stazione autostradale e del centro per la sicurezza autostradale in corrispondenza di Ala. Il progetto esecutivo definisce i dettagli dell'opera che costerà 24 milioni di euro. «Ora siamo nelle condizioni di tradurre prima in cantiere e poi in opere il nostro progetto», l'annuncio dell'amministratore delegato di Autobrennero, Diego Cattoni. Auspicando poi che l'intervento appena battezzato «sia presto seguito da altri lavori in programma, tra cui quelli immediatamente cantierabili come la terza corsia». Un intervento di potenziamento della rete, quello menzionato dall'ad, che porterebbe ad ampliare la carreggiata tra Verona e l'intersezione con l'A1 a Modena. Ma intanto si procede col primo piano fresco di approvazione. A breve - la società parla di alcune settimane di attesa - sarà indetta la gara d'appalto. Tappa intermedia che dovrebbe portare l'inizio dei lavori non più tardi della primavera. L'opera finale vedrà ampliata la stazione di Ala-Avio, con 6 piste al casello invece delle 3 odierne. Verrà poi rivisto e reso efficiente dal punto di vista energetico anche il centro per la sicurezza, edificio di appoggio per tecnici, operai e ausiliari della viabilità. Poi, all'uscita, sopra il canale Biffis verrà realizzata una rotatoria che consentirà il collegamento alla viabilità provinciale (Sp 90) attraverso due ponti. Una soluzione tecnica che liquida un ostacolo d'impedimento alla viabilità. «Così risolveremo il problema della sicurezza e della fluidità del traffico legato all'attuale innesto a forma di T», spiega il direttore tecnico generale Carlo Costa. La stazione rimarrà apera anche durante i lavori, come consentono i passaggi definiti dal progetto. I lavori di rinnovamento erano attesi da tempo anche da Piazza Dante. «È un'ottima notizia per tutti - commenta il governatore Maurizio Fugatti - ci dimostra, ancora una volta, come il controllo della società da parte degli Enti Locali garantisca quell'attenzione alle esigenze delle nostre comunità, per noi fondamentale». È chiaro, qui, il riferimento al nodo della liquidazione dei soci privati di A22, tuttora irrisolto.

Foto: Società Diego Cattoni (in foto) è amministratore delegato di Autostrada del Brennero