scarica l'app
MENU
Chiudi
15/09/2020

A ottobre il via alla bonifica dell’ex tratta ferroviaria

Messaggero Veneto - Guglielmo Zisa

Le amministrazioni interessate si sono incontrate con la ditta appaltatrice L'intervento è propedeutico alla trasformazione della linea in pista ciclabile spilimbergo A ottobre il via alla bonifica dell'ex tratta ferroviaria Le amministrazioni interessate si sono incontrate con la ditta appaltatrice L'intervento è propedeutico alla trasformazione della linea in pista ciclabile spilimbergo
Guglielmo Zisa / SPILIMBERGOSi fa sempre più in discesa il progetto per la trasformazione della ex tratta ferroviaria Casarsa-Pinzano al Tagliamento in una "greenway". A comunicarlo è Enrico Sarcinelli, sindaco di Spilimbergo, capofila dell'iniziativa attuata dalle sei municipalità interessate alla pulizia e alla bonifica della linea, che si sviluppa tra Casarsa, Valvasone Arzene, San Martino al Tagliamento, San Giorgio della Richinvelda, Spilimbergo e Pinzano. L'amministrazione mosaicista si è fatta promotrice di un incontro nella sede municipale di palazzo di Sopra cui hanno preso parte i rappresentanti delle amministrazioni interessate e i tecnici della ditta assegnataria dell'appalto dei lavori per la pulizia e lo sfalcio della vegetazione incolta lungo l'ex tratta ferroviaria. Occasione per fare il punto della situazione e dare il via ai lavori.«Coi primi di ottobre cominceranno le operazioni di pulizia della futura ciclabile in via di acquisizione dalla Regione. Un grande progetto, una splendida prospettiva per un'area vasta», rileva Sarcinelli. A effettuare l'intervento sarà la Agriwood, impresa agricola di Stregna, in provincia di Udine, aggiudicataria della gara d'appalto indetto proprio dal Comune di Spilimbergo. «Si tratta di un primo passo necessario verso il progetto di recupero dell'ex ferrovia», prosegue Sarcinelli cogliendo l'occasione per ringraziare colleghi amministratori, Regione e i propri uffici visto che i funzionari dell'ente di palazzo di Sopra hanno approntato, ancor prima dello stop imposto dall'emergenza sanitaria, gli atti amministrativi per una pulizia complessiva dalla vegetazione. Questo in continuazione col progetto avallato e sostenuto dalla Regione. Un'operazione a costo zero per le casse delle sei municipalità, visto che la ditta come compenso per l'attività tratterrà il legname ricavato dalla bonifica, propedeutica alle intenzioni della Regione che, come concordato con le amministrazioni locali, ha deciso di ritagliare dal proprio bilancio 1,3 milioni di euro da destinare all'acquisizione del sedime da Rfi.L'obiettivo è di realizzare una pista ciclabile lunga 27 chilometri sfruttando il tracciato dell'ex ferrovia che collegava Pinzano a Casarsa. La tratta venne aperta nel 1912 e fu definitivamente chiusa nel 1987. --© RIPRODUZIONE RISERVATA