scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
09/03/2021

A costruttori e sindacati edili piace la delibera del Comune

Il Giornale del Piemonte e della Liguria

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER APPALTI FINO A 5 MILIONI
■ È molto positivo il commento espresso da costruttori e sindacati di categoria dell'edilizia nei confronti dei contenuti della delibera adottata martedì dalla Giunta Comunale in materia di procedure negoziate per l'affidamento di appalti pubblici di importo compreso tra 1 e 5 milioni di euro. Si tratta di un'importante iniziativa voluta dal sindaco Marco Bucci e dall'assessore ai Lavori Pubblici, Pietro Piciocchi che, dice il presidente di Ance Genova, Filippo Delle Piane, «hanno dimostrato grande attenzione e sensibilità per le richieste delle imprese e dei lavoratori traducendole in uno strumento assolutamente positivo per tutto il comparto». Condivide il giudizio positivo Andrea Tafaria, segretario generale di Filca Cisl, secondo cui «va apprezzato l'impegno del Comune verso l'occupazione e l'economia locale». Dello stesso avviso anche Mirko Trapasso, segretario generale della Feneal Uil, che sottolinea che «la delibera della Giunta comunale recepisce una istanza da tempo avanzata dalla categoria». La delibera contiene infatti le nuove Linee guida alle quali il Comune di Genova si atterrà nella gestione dei futuri appalti, per fare fronte alle ricadute economiche negative a seguito delle misure di contenimento e dell'emergenza sanitaria da Covid 19 e per rilanciare gli investimenti pubblici nel settore delle infrastrutture e dei servizi pubblici. «Abbiamo sfruttato l'opportunità - spiega il vicesindaco Piciocchi - introdotta dal Decreto semplificazioni, fino al 31 dicembre, per l'affidamento dei lavori fino alla soglia comunitaria attraverso la procedura negoziata, senza bando, ad almeno trenta operatori, il doppio rispetto ai precedenti 15 per garantire il più pieno rispetto della concorrenza e, contestualmente, del criterio di rotazione degli inviti che tenga anche conto della diversa dislocazione territoriale delle imprese invitate all'offerta». Le imprese da invitare dovranno richiedere di essere inserite in apposito elenco telematico di nuova costituzione, sulla scia di quello già costituito tre anni fa dal Comune di Genova per l'affidamento di lavori di importo inferiore a 1 milione di euro. «Con la procedura negoziata - commenta il vicesindaco - abbiamo già riscontrato per i lavori fino a un milione di euro procedure più snelle, efficienti e trasparenti. L'estensione della procedura ai lavori fino ai cinque milioni consentirà un'ulteriore semplificazione».