scarica l'app
MENU
Chiudi
21/04/2020

7Il ministero delle Infrastrutture ha inserito la …

Corriere Adriatico

7Il ministero delle Infrastrutture ha inserito la galleria di Trisungo fra le 26 opere ritenute strategiche in tutta Italia e pertanto verrà nominato un commissario straordinario per accelerare l'iter burocratico e far ripartire i cantieri. Dopo il fallimento dell'impresa Carena che aveva vinto la gara Anas e l'estate scorsa aveva fermato bruscamente i lavori dopo aver dichiarato fallimento, la Fillea Cgil aveva subito sollecitato le istituzioni a cercare una soluzione per far partire una nuova gara perchè evitare una incompiuta in una zona colpita dal terremoto.
«Ci auguriamo pertanto - afferma Paola Senesi - che questa nomina non intacchi trasparenza e rispetto delle regole che sono fondamentali per far ripartire il lavoro in sicurezza e nella massima legalità, anche e soprattutto dopo questo periodo di blocco totale dovuto anche al Coronavirus. Perciò, se davvero il lavoro della galleria di Trisungo ripartirà, auspichiamo che l'impresa che si aggiudicherà la gara sia in grado di portare a termine il lavoro, garantendo occupazione ai lavoratori coinvolti e che possa dare così un segnale di speranza e di ripartenza anche all'economia delle zone interne già colpite dal sisma degli anni scorsi».
La Cgil chiede che si possa aprire un tavolo di confronto anche con il commissario e con le organizzazioni sindacali.
«Dalla crisi che ha attanagliato le nostre aree interne quella opera potrà rappresentare un segno di ripartenza, soprattutto se impareremo tutti insieme ad affrontare queste emergenze con prospettive nuove: la ricostruzione del settore ed il rilancio dell'economia non passino per la ricetta già vista del meno regole, meno tutele, meno attenzione a diritti ed ambiente, ma vengano affrontate con le proposte che da sempre indichiamo come Fillea: più connettività, più sostenibilità ambientale, qualità del lavoro e delle imprese che rimettano la centro la buona occupazione».
La Cgil non crede che la nomina di supercommissari sia la soluzione per sbloccare le grandi opere del Paese perchè le attuali normative ed il codice degli appalti sono strumenti utili per dare dignità e tutele ai lavoratori e qualità alle imprese ed alle stazioni appaltanti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA